Tuesday, 19 June 2018 - 01:03

Uffici postali. L’onorevole Rubinato si schiera con i sindaci, contro la chiusura

Feb 20th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Simonetta Rubinato

Simonetta Rubinato

Stamane la parlamentare Simonetta Rubinato ha scritto ai sindaci dei 7 comuni bellunesi interessati dal piano di dismissione di Poste Italiane per inviare loro l’interrogazione depositata alla Camera e assicurare piena disponibilità a sostenere le iniziative che verranno concordate per scongiurare la chiusura degli uffici postali più piccoli.

“Poste italiane – precisa la deputata del Pd – è una società a capitale interamente pubblico, tenuta a garantire determinati obiettivi di qualità per l’utenza in forza del contratto di programma siglato con lo Stato per il quale riceve un significativo contributo pubblico. Per questo ritengo che il ministro Guidi debba intervenire a tutela dei residenti delle località rurali e montane che, per effetto di questo piano, verrebbero privati di servizi essenziali come la possibilità di pagamento di bollette o di riscossione della pensione”.

I firmatari dell’interrogazione bipartisan (Busin, Capua, Casellato, Crivellari, Milanato, Narduolo, Polidori) si appellano al Governo affinché sia garantito il rispetto di quanto già stabilito dall’Autorità garante delle comunicazioni: ovvero il divieto di chiusura degli uffici postali nelle zone rurali e montate e la necessaria concertazione con le amministrazioni locali da parte delle Poste italiane per evitare disagi ai cittadini-utenti che si vedono privati dell’effettiva erogazione di un servizio di pubblica utilità.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Ma di che cosa continuiamo a parlare? Questa settimana troviamo un avviso di giacenza per una raccomandata, sul quale in bella evidenza c’era il marchio Nexive. Pensando ad una truffa, gurado in Internet e scopro, che lo Stato, si affida a personale privato (Nexive appunto) per recapitare le loro …… comunicazioni. Quindi come si può pensare di pendere per il culo gli Italiani in questo modo?

  2. l amministratore delegato di poste italiane ovvero il responsabile dei tagli è stato nominato dal PD la rubinato finge e non dice la verità

  3. Il PD farebbe bene ad espellere questi dissidenti che si preoccupano dei pensionati che vivono montagna e devono andare a tirar pensione. Dovrebbero invece adoperarsi a spiegare a questi ignoranti montanari che il tagli alle poste servono ad ingrassare i loro amici alti dirigenti e che le poste non devono essere un servizio ma una finanziaria attrattiva per mafiosi finaziari internazionali.