Wednesday, 19 September 2018 - 07:15

Sabato a Belluno la “Giornata del ricordo”

Feb 9th, 2015 | By | Category: Appuntamenti, Prima Pagina, Società, Istituzioni

ABM associazione bellunesi nel mondoTra il 1943 e il 1954, 350.000 italiani hanno dovuto abbandonare la loro terra natale nelle province – allora italiane – di Pola, Fiume e Zara, per sfuggire alle persecuzioni e al processo di snazionalizzazione di quei territori da parte del regime jugoslavo instaurato dal maresciallo Tito.

Fu una vera “pulizia etnica”, messa in atto con una serie di massacri civili e militari iniziata in Istria e in Dalmazia nel 1943 dopo l’armistizio dell’otto settembre e condotta a termine del maggio 1945 in poi, quando le truppe della ex Jugoslavia invasero tutta la Venezia Giulia di allora fino alle porte di Udine.

Questa storia fatta di orrori, di sacrifici e di eroismi di gente semplice, strappata dalle memorie più care di luoghi abitati da secoli da popolazioni italiane, è stata per mezzo secolo totalmente dimenticata e nascosta alle nuove generazioni e all’opinione pubblica del Paese. Con la legge n. 92 del 30 marzo 2014 la Repubblica riconosce il 10 febbraio quale “Giorno del Ricordo” al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo delle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati.

La sezione di Belluno dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, con la collaborazione del Comune di Belluno e dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, organizza un incontro dedicato al “Giorno del Ricordo”.

L’appuntamento è fissato per sabato 14 febbraio alle ore 17.30 presso la Sala multimediale dell’Associazione Bellunesi nel Mondo in via Cavour 3 a Belluno (100 metri dalla stazione del treno).

Dopo i saluti delle autorità sarà proiettato il filmato “Esodo” che, attraverso una serie di riprese cinematografiche autentiche e con diverse testimonianze ad alto contenuto emozionale, ricostruisce quel drammatico periodo.

L’incontro è aperto al pubblico e vi è la speranza che ci sia una numerosa partecipazione di giovani.

Share

Comments are closed.