Sunday, 16 December 2018 - 03:35

Decreto Milleproroghe: i deputati del Pd al lavoro per riportare l’Iva al 10% sul pellet

Feb 5th, 2015 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

pdTra gli emendamenti al decreto ‘Milleproroghe’, in questi giorni all’esame delle commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera, c’è anche in discussione una proposta per riportare l’Iva sul pellet da riscaldamento al 10 per cento.

Si tratta di due emendamenti predisposti dall’onorevole Simonetta Rubinato e sottoscritti anche dal collega Matteo Richetti.

“Stiamo lavorando – spiegano i due deputati del Pd – con il Governo per trovare la copertura, calcolata in 96 milioni di euro, necessaria per correggere le norme dell’ultima Legge di Stabilità che hanno stabilito un iniquo incremento di imposta a danno delle fasce più deboli e in particolare dei cittadini delle aree montane che utilizzano questo combustibile perché meno costoso e dal basso impatto ambientale. Siamo fiduciosi che si possa trovare una soluzione anche grazie all’impegno espresso in tal senso dallo stesso Presidente del Consiglio dei ministri all’inizio di gennaio”.

L’onorevole Rubinato con altri colleghi deputati avevano già presentato degli odg alla Legge di stabilità su questo tema, accolti dal viceministro Morando il 23 dicembre scorso, che impegnavano il Governo a sopprimere i commi 711 e 712 introdotti durante il passaggio al Senato che hanno aumentato l’aliquota Iva sul pellet dal 10 al 22 per cento. Contro questa norma si sono espressi i consumatori e i produttori che hanno chiesto a governo e parlamento un ritorno dell’Iva al 10 per cento.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Trovare la copertura però non deve significare tassare qualche altro bene, bensì procedre sulla via dei tagli agli sprechi. Altrimenti sarebbe come dire “mors tua, vita mea”.

  2. Penso che criticare sia democratico e sinonimo di libertà.
    Però sparare nel mucchio su tanti cittadini italiani non è critica ma offesa.
    Perdipiù nascondendosi dietro l’anonimato è anche viltà.
    Chiedo ancora una volta alla redazione di permettere solo commenti firmati e non offensivi.

  3. Ho provveduto a cancellare i commenti lesivi, nell’interesse stesso dell’autore, che tra l’altro è facilmente riconoscibile per la sua prosa pietosa quando non usa il copia-incolla
    rdn