13.9 C
Belluno
martedì, Agosto 11, 2020
Home Cronaca/Politica Statistica pendolarismo. Zorzato: "Oltre metà della popolazione veneta è coinvolta per motivi...

Statistica pendolarismo. Zorzato: “Oltre metà della popolazione veneta è coinvolta per motivi di lavoro o di studio”

Marino Zorzato
Marino Zorzato

Sono 2.603.830 (pari al 53,6% della popolazione residente) le persone che ogni giorno in Veneto effettuano spostamenti per recarsi sul posto di lavoro o di studio. Il 70% si sposta per motivi di lavoro, il restante 30% per motivi di studio. In dieci anni i pendolari sono cresciuti di circa 300.000 unità (erano 2.319.188 nel 2001). Poco più della metà degli spostamenti avviene all’interno dello stesso comune di residenza, circa il 40% si dirige verso un altro comune della spessa provincia. Sono i dati statistici di sintesi sul pendolarismo in Veneto anticipati dal vicepresidente della Regione Marino Zorzato, in base alle elaborazioni della Sezione Sistema Statistico, in attesa dei dati più dettagliati che Istat sta rilasciando sulla scorta dei risultati dell’ultimo censimento e che saranno disponibili prossimamente.

Fra il 2001 e il 2011 diminuisce la quota di chi riesce a raggiungere il posto di lavoro o di studio in meno di un quarto d’ora (61,4% nel 2001, 56,5% nel 2011) e aumenta quella di chi ci impiega più di un’ora (2,7% nel 2001, 4,1% nel 2011). Tra coloro che impiegano al massimo quindici minuti prevalgono gli spostamenti per studio con il 63,2% rispetto al 53,6% di quelli per lavoro.

Per recarsi al lavoro o nel luogo di studio nove persone su dieci (89%) utilizzano un mezzo di trasporto con preferenze sostanzialmente simili a quelle registrate nel precedente censimento. L’automobile resta la scelta più diffusa: la usa il 50% dei residenti come conducente e il 14% come passeggero. Soltanto il 14,2% utilizza i trasporti pubblici o privati collettivi come treno, tram, metropolitana, pullman; il 3% ricorre ai mezzi a motore a due ruote (motocicletta, ciclomotore e scooter) e un altro 7% va in bicicletta.

Le analisi statistiche – conclude Zorzato – hanno un ruolo fondamentale ai fini della pianificazione delle azioni. In questo senso, ampio spazio nell’ambito della ripartizione delle risorse assegnate al Veneto dal CIPE con il Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 è stato dato agli investimenti per favorire la mobilità collettiva con priorità alla propulsione ecocompatibile: 10 milioni sono stati previsti per l’acquisto di autobus in area urbana e convogli tramviari e altri 23 milioni per l’acquisto di autobus in area urbana, suburbana ed extraurbana. A questi vanno aggiunti i 35 milioni messi a bando per la realizzazione di piste ciclabili”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Quindicenne perde la vita sull’argine del Piave schiacciato tra i massi. Allarme per un ragazzino morso da una vipera

Belluno, 11 - 08 - 20 Attorno alle 16 la Centrale del 118 è stata allertata per un ragazzo 15enne rimasto incastrato tra due...

Anziano parte da Cremona per trovare l’amico di Belluno, ma a Ferrara si perde

Era partito qualche giorno fa dalla provincia di Cremona per ritrovarsi con un amico della provincia di Belluno. Domenica scorsa, non vedendolo arrivare è...

I proprietari del Nevegal in assemblea

Sabato 8 agosto 2020 si è tenuta presso la Sala comunale ex Hall del Complesso Le Torri del Nevegal la prima Assemblea dell’Associazione Proprietari...

Il progetto di Belluno Alpina: alle ex scuole di Ronce la sede per un nuovo consorzio forestale. Dal Farra: “Ora è fondamentale curare il...

“Il territorio ha bisogno di cura e manutenzioni: il bosco avanza, consumando i prati e marcendo in piedi, e i turisti chiedono pulizia. Smettiamo...
Share