Thursday, 14 December 2017 - 20:54

Province. Il governo mette in sicurezza il personale. De Menech: «Usciamo dall’emergenza e diamo il tempo per trasferire le competenze e i dipendenti»

Dic 19th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Roger De Menech, deputato Pd

Roger De Menech, deputato Pd

Le Province montane sono state equiparate alle città metropolitane. La decisione è contenuta nel maxi emendamento del governo alla legge di stabilità presentato al Senato. Nello stesso provvedimento le Province vengono messe in sicurezza finanziaria. Il governo intende così dare alle Province il tempo necessario a contrattare con Regioni e Comuni il trasferimento delle proprie competenze e del relativo personale. I dipendenti delle Province eventualmente in esubero non saranno messi subito in mobilità, ma sarà dato agli enti un tempo di due anni per trovare una collocazione.

Pur non facendo parte del Senato, il deputato bellunese Roger De Menech, ha lavorato a stretto contatto con i sottosegretari Delrio, Bressa e Baretta e col senatore valtellinese Mauro Del Barba, membro della Commissione Bilancio, per inserire i correttivi necessari ad assicurare la funzionalità delle Province fino alla dismissione delle funzioni.

“Ovviamente la questione resta differente per le Province montane”, afferma De Menech. “L’equiparazione con le città metropolitane fa scendere gli esuberi di personale per Belluno, Sondrio e Verbano-Cusio-Ossola dal 50 al 30 per cento. Poi c’è tutta la partita da aprire con le Regioni per l’assunzione delle nuove competenze”.

“Il mantenimento di una quota di personale maggiore degli altri enti di area vasta è una necessità imprescindibile per le province montane, soprattutto alla luce delle specifiche e delle particolari forme di autonomia riconosciute dalle riforma Delrio.” Ha dichiarato il senatore Del Barba. “Le disposizioni appena approvate sono un altro passo importante, raggiunto grazie al comune impegno dei parlamentari delle tre province e del Partito democratico, verso una piena attuazione della “specificità montana” dei nostri territori”.

Grazie a questo intervento, conclude de Menech, «usciamo dall’emergenza e diamo alle Province ordinarie il tempo per riaffidare funzioni competenze e risorse a Comuni e Regioni, a quelle montane di acquisire le nuove competenze dalle Regioni».

 

Share

5 comments
Leave a comment »

  1. pessimo

  2. anzi, pessimo burocrate

  3. Il solito arrampicarsi sugli specchi. Prima o poi scivolerà.

  4. allora, la riforma delle province era una idea di FI-PDL, poi tutti dietro a Stella e Rizzo (senza senso critico: mass media e politici e di conseguenza popolo), i tentativi, bocciati dalla Corte costituzionale, di Monti, le pezze che Letta ha tentato di mettere, ora Renzi-PD che l’hanno fatta diventare una loro creatura, infatti è piena di problemi, come altri provvedimenti del resto, perchè non è detto che la velocità nel fare le cose porti bene, si crea ritmo, ma non porta a soluzioni ottimali nel futuro (vedi appunto la Delrio che si scontra con la legge di stabilità e l’ulteriore raffazzonamento che sposta più in la nel tempo il problema)

  5. Da dipendente provinciale a corriere per cosegnare le supposte del pd…. Pecà…

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.