Saturday, 16 December 2017 - 10:57

Legge di stabilità. De Menech: “”Più coraggio nei costi standard, stop tagli lineari.  Ma la revisione della spesa serve a ridurre le tasse”

Dic 7th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Roger De Menech, deputato Pd

Roger De Menech, deputato Pd

«Stiamo operando per chiudere per sempre la stagione dei tagli lineari e per applicare i costi standard adattandoli alle specifiche realtà di ogni territorio». Il deputato bellunese Roger De Menech, riporta i numeri della manovra decisa dal parlamento con l’approvazione della Legge di Stabilità e offre una visione d’insieme della legge di stabilità: «Il taglio dell’abnorme spesa pubblica italiana era atteso da anni soprattutto per consentire l’abbassamento della tassazione più alta dei paesi Ocse. Finora, mai nessun governo aveva avuto il coraggio di attuare questa politica».

La Legge di Stabilità, ricorda De Menech, «prevede tagli alla spesa per oltre 16 miliardi di lire. Parallelamente e per la prima volta negli ultimi anni introduce significative riduzioni di tasse per i produttori di ricchezza, ovvero per i lavoratori e per le imprese».

Sui Comuni, ricorda il deputato, «grazie all’accordo con l’Anci l’impatto è stato contenuto. Ora i Comuni possono dirottare gli oneri di urbanizzazione sulla spesa corrente, tagliare gli investimenti e ricontrattare i mutui lasciando che sia lo Stato ad accollarsi i relativi interessi. Altre due misure riguardano l’allungamento fino a 30 anni dei tempi per il ripiano delle perdite e l’allentamento del patto di stabilità per oltre 1 miliardo di euro».

 D’ora in poi, conclude De Menech, «bisognerà tuttavia operare in base ai costi standard che, per i Comuni sono già stati pubblicati e applicati ai trasferimenti. Ora vanno estesi a tutta la spesa pubblica, compresa quella regionale e adattati alle specifiche realtà territoriali, soprattutto quelle montane. Il Comune di Pieve di Cadore deve costare quanto quello di Sulmona (L’Aquila) o di Bronte (Catania), non di più e non di meno. Il nostro impegno di parlamentari veneti e del nord è particolarmente intenso proprio su questo fronte».

 

I tagli alla spesa pubblica

Ammonta in tutto a 16 miliardi la riduzione dei costi dello stato. Di questi, la fetta maggiore è a carico dei ministeri centrali, oltre 6 miliardi di euro; seguono le Regioni a cui vengono tagliati 4 miliardi, le Province 1 miliardo e i Comuni 1 miliardo.

 

La riduzione delle imposte

Tutto il lavoro a tempo indeterminato è ora deducibile dall’Irap; inoltre, dal 1 gennaio chi assume a tempo indeterminato non paga i contributi sul lavoro per 3 anni. Diminuiscono infine le tasse e i contributi per le famiglie.

 

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. De Menech prosegue nelle menzogne.
    Solo per esemplificare elenco.
    1)E’ stata aumentata l’Iva che da oggi al 2018 potrebbe essere portata dal 10% al 13% e dal 22% al 25,5%
    2)E’ stata reintrodotta l’Ici sulla prima casa, camuffandola come Imu.
    3)Sono stati aumentati i moltiplicatori e la rivalutazione catastale ai fini Imu.
    4)E’ stata introdotta l’Imu sui terreni agricoli che prima non la pagavano.
    5)E’ stata eliminata l’Irpef agevolata sul Tfr in busta paga.
    6)Per non parlare di quanto è stato riservato ai Bellunesi.

    E così aumentando e mentendo.

  2. difende l’indifendibile, se una manovra del genere l’avesse fatta qualcun altro avrebbe gridato allo scandalo.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.