Sunday, 22 October 2017 - 04:32

Vertice a Santo Stefano di Cadore. Bilancio positivo per la visita della 13ma Commissione Ambiente del Senato. Piccoli: “L’accessibilità al Comelico è una priorità. Le risorse nella Legge di stabilità”

Dic 1st, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Giovanni Piccoli, senatore

Giovanni Piccoli, senatore

“L’accessibilità al Comelico diventerà una priorità, quanto alle risorse dovranno essere trovate necessariamente nella legge di stabilità o, al massimo, nel Collegato Ambiente. La XIII Commissione Ambiente ha capito che questo territorio non può essere abbandonato a se stesso”.

A dirlo è il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli a margine della trasferta comeliana della XIII Commissione Ambiente del Senato di cui è componente.
“E’ stato un incontro estremamente positivo e operativo; gli amministratori del Comelico si sono presentati ai commissari con una sola voce, argomentando ogni loro richiesta con dati incontrovertibili ed emblematici di una realtà meravigliosa ma fragile. Lo stesso presidente della Commissione Giuseppe Marinello è stato chiaro nel dire che la situazione va affrontata in via prioritaria e già in occasione della discussione sulla legge di stabilità”.
“Il punto principale sul quale ho fatto riflettere i miei colleghi è quello dell’isolamento del comprensorio, deleterio non solo per i residenti ma per l’intera economia. In questo anno orribile, iniziato un anno fa coi black-out, le aziende hanno avuto un aumento dei costi, a cominciare da quelli dei trasporti. Altro capitolo ancora più doloroso quello del turismo. Avere collegamenti dignitosi è il minimo sindacale per un territorio”.
“Ho voluto con forza questo incontro e ringrazio il presidente Marinello per la velocità con cui l’ha organizzato”, rimarca Piccoli. “Ringrazio anche i sindaci comeliani, hanno saputo fare la giusta sintesi tra le esigenze del territorio. Ora”, conclude Piccoli,  “le istituzioni romane non devono perdere tempo e capire l’urgenza di una programmazione seria e proiettata nel lungo periodo”.

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.