Friday, 15 December 2017 - 14:02

Sabato a Sedico via all’11ma rassegna MusicArmonicA con l’Ensemble Mosaici Sonori di Ravenna

Dic 1st, 2014 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

musicaL’undicesima edizione della rassegna MusicArmonica, che prese avvio da Sedico grazie alla collaborazione tra Biblioteca Civica e Associazione musicale Dissonance nel 2004, ritorna nell’accogliente sala del Palazzo dei Servizi, per il concerto di chiusura dell’edizione 2014.

Sabato 6 dicembre alle 20.45, sarà nuovamente ospite di Biblioteca Civica ed Assessorato alla Cultura del Comune di Sedico, l’Ensemble Mosaici Sonori di Ravenna, composto da Morena Mestieri al flauto, Beatrice Donati al violino, Elisa Nanni alla viola, Luigi Lidonnici all’oboe e Piergiorgio Anzelmo al violoncello.

La formazione, nata nel 1998 dall’incontro di musicisti accomunati dalla grande passione per la musica classica e cameristica, vanta un curriculum di tutto rispetto, con partecipazioni a numerose rassegne in tutta Italia, da Roma a Vicenza a Torino, ma con un’attività capillare ed intensa in Emilia e Toscana, regioni nelle quali il tessuto musicale e culturale in genere è estremamente ricco. Di quelle terre la formazione manifesta nella propria espressività la gioia per la condivisione e partecipazione e una innata propensione al coinvolgimento del pubblico, anche attraverso la scelta dei repertori.

Il percorso musicale che verrà svolto è al contempo eclettico e coerente nel suo percorso attraverso i secoli, raffinato ma facilmente comprensibile, capace di soddisfare il pubblico più preparato e di incuriosire e divertire il neofita. E la storia dei compositori che verranno presentati è di per sé un mosaico di avventure.

Il primo brano, un allegro, è di Giuseppe Gambini, nato nel 1746 a Livorno, che operò prevalentemente a Parigi dove riscosse notevole successo tanto da essere accusato da Mozart di rubargli la scena; partecipò con la propria arte alla rivoluzione francese, fino a quando, dopo la restaurazione se ne persero le tracce, tra Francia e Paesi Bassi. Insomma un artista di mondo e non l’ultimo dei cervelli in fuga dall’Italia

Giacomo Rossini, il grande pesarese nato sul finire del settecento, è uno dei geni dell’opera italiana, autore tra l’altro dell’”Italiana in Algeri”, del 1813 presentata in alcuni brani a Sedico. La biografia di Rossini è quasi la narrazione di due vite diverse, la prima frenetica anche creativamente e dal successo quasi immediato, la seconda appartata e quasi oziosa, forse a causa del rifiuto del compositore di adattarsi all’estetica romantica

Powell è autore misconosciuto vissuto nella prima metà del novecento e nel programma della serata costituirà il momento riflessivo, con l’esecuzione di un suo notturno.

Di Jan Koetsier, fresco e vivace compositore e conduttore che operò fino ad anni recenti tra Olanda e Germania, fu insegnante e autore principalmente di musica da camera, verrà suonato un “Quintetto” allegro, capace di mostrarne tutto il valore..

Infine Arthur Bliss, compositore e divulgatore inglese, è celebrato per la considerevole produzione di musica vocale e strumentale, oltre che per i balletti e le musiche da film, con uno stile brillante e fantasioso ed un atteggiamento in aperta ribellione alla tradizione romantica. Verranno suonati alcuni “quadri” impressionisti, nei quali la modernità, con sbuffi, chiacchericci e rumori, entra a mostrare scene urbane contrapposte a quelle bucoliche dei secoli precedenti.

Infine ci sarà forse la possibilità di ascoltare Domenico Cimarosa, vissuto nella seconda metà del settecento, uno dei grandi rappresentanti della scuola musicale napoletana. Dotatissimo e artisticamente fortunato, fu una figura centrale dell’opera del settecento, specialmente buffa, e le sue opere strumentali sono affini stilisticamente a Mozart, feconde di allegria, ritmo e vezzi.

Insomma una occasione ghiotta per curiosi e appassionati di musica, per ascoltare dei provetti esecutori, in un percorso ricercato e piacevole attraverso la migliore musica europea degli ultimi tre secoli.

Ingresso libero.

Informazioni e adesioni presso Biblioteca Civica, tel 0437.855632

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.