Tuesday, 21 November 2017 - 04:23

Il turismo italiano arretra, superato anche dalla Germania. Finozzi: “Liberiamo gli imprenditori da imposte e balzelli”

Ott 30th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Marino Finozzi

Marino Finozzi

“Di fronte a notizie del genere, vedere che lo Stato vuole riaccentrare le competenze e mettersi in sostanza a fare l’imprenditore turistico mi fa rabbrividire: liberi piuttosto gli imprenditori veri dalle pastoie e dai costi aggiuntivi che ci mettono fuori mercato. Ci penseranno loro a far crescere il settore, come hanno fatto nei decenni d’oro durante i quali l’Italia era la prima meta turistica del mondo”.

Marino Finozzi, assessore al turismo del Veneto, è sconcertato dai dati, ripresi oggi dalla stampa, secondo i quali nell’economia dell’ospitalità, in Europa ci supera ormai anche la Germania.

“Il mio sconcerto nasce anche dal constatare che, in un anno “meteorologicamente” nero come il 2014, il turismo del Veneto, dove si conta un pernottamento ogni sei registrati in tutta la penisola, è in controtendenza rispetto al resto d’Italia e cresce in arrivi e presenze. Che non sono di per sé determinanti – dice ancora Finozzi – perché ciò che alla fine interessa le imprese turistiche è il reddito, che quest’anno deve fare i conti con danni materiali, cambiamenti forzati di abitudini turistiche e sconti per non perdere la clientela, anche se paga lo scotto. Ma se in un situazione non rosea calano anche questi, c’è da piangere”.

“Come fare per affrontare la situazione? Non ho ricette “politiche” miracolose, ma mi faccio interprete delle lamentele dei nostri operatori: per prima cosa occorre intervenire abbassando la fiscalità generale e locale per recuperare margini di concorrenzialità.

E’ di oggi la notizia, di fonte Trivago, che gli hotel italiani sono tra i più cari d’Europa. Questo dipende anche, se non soprattutto, da imposte e balzelli che dai noi sono ormai altissimi e compromettono la possibilità di far crescere una ricchezza in un settore dove dovremmo primeggiare. Gli albergatori, tra Imu e Tasi, devono pagare fino a 770 euro a stanza solo per il fatto che questa esiste. L’IVA nel comparto ha un’aliquota tra le più alte del vecchio continente, mentre i redditi sono assorbiti dalle tasse per circa il 50 per cento. In queste condizioni si fatica non solo ad essere concorrenziali, ma anche ad investire in qualità per dare le risposte richieste dai turisti di oggi. Poi evitiamo di fare leggi stupide, come quelle sulla demanialità o sui campeggi. L’imprenditore ha bisogno di regole chiare, poche, di buon senso e non punitive. E attenzione ai contributi pubblici: devono servire veramente ma essere investiti seriamente. Se la crescita di ricchezza si dovesse calcolare sulla base dei contributi elargiti, il nostro Sud dovrebbe essere la capitale mondiale del turismo, cosa che forse merita ma che non è. E noi dovremmo essere in fondo alla classifica, mentre siamo in cima. Mi fermo qui, sperando che le diatribe in politichese che ci sommergono ormai da anni possano veder emergere i fatti dei quali abbiamo bisogno, e non solo nel turismo”.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Cosa vuoi liberare da imposte e balzelli. Chi vi mantiene?

  2. Ma non è lo stesso assessore per cui per il turismo in Veneto era quasi quasi un boom? Per quanto riguarda poi balzelli ed altro diciamo pure che anche la Regione Veneto si difende abbastanza bene. Per non parlare poi dei grandi investimenti tipo il portale “VENETO” operazioni da far rizzare i capelli per costi ed inutilità. Ad ogni modo l’unica cosa vera è che dovremmo VEROGNARCI , paesaggisticamente e storicamente forse il miglior Stato al mondo ridotto a lerciume da un classe politica e dirigenziale (Enti Vari) ignorante, incompetetnte ed arrogante.

  3. Questo signore è a conoscenza del tempo necessario per raggiungere le Dolomiti con i treni gestiti dalla regione Veneto nell’eventualità che qualcuno dei milioni di turisti che arrivano a Venezia volesse visitare le montagne “Patrimonio dell’umanità”?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.