Tuesday, 26 September 2017 - 07:25

Furto a Cortina.Individuato un pregiudicato dalla Polizia grazie al programma “Trova il mio I-Phone”. Recuperata in parte la refurtiva

Ott 27th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

polizia 150x113Quattro turisti romani, giunti a Cortina d’Ampezzo lo scorso 15 marzo, avevano denunciato il furto dall’abitazione dov’erano alloggiati di vari oggetti, tra cui un I-pad 64g , un MC Book Pro 15 pollici, una borsa marca Prada, ed una penna Mont- Blanc colore nero. Uno dei derubati, tramite il programma dedicato “Trova il mio I-Phone”, aveva però avviato, per uno degli I-pad rubati, la “localizzazione” che veniva proseguita da personale della polizia giudiziaria nei locali del Commissariato, dove si scopriva che verso le ore 17:00, l’I-Pad si “fermava” a Ferrara. Ma all’indirizzo dove era stato localizzato l’apparecchio gli agenti inviati dalla Questura di Ferrara si trovano di fronte ad una serie di palazzine popolari dove era impossibile individuare l’appartamento nel quale si trovava l’I-Pad.

L’indagine proseguiva con la rilevazione del numero di targa delle auto parcheggiate nei pressi delle palazzine. I dati venivano poi confrontati al Commissariato di Cortina con le video-riprese delle telecamere di sorveglianza presenti lungo la statale che collega Cortina all’autostrada. Dall’esame risultava che alle ore 14:19 del 15 marzo una Ford Focus famigliare di colore grigio chiaro, con targa corrispondente ad una di quelle rilevate da personale della Questura di Ferrara era transitata in direzione dell’autostrada. L’auto risultava intestata ad un’anziana signora residente a Ferrara nella via dove era stato localizzato l’-Pad.

Le successive indagini permettevano di accertare che la proprietaria della Focus aveva un figlio, tale T. C., sessantenne, pluripregiudicato per svariati reati contro il patrimonio, tra cui rapina e furti in appartamento. Quest’ultimo, pur non risultando lì residente, vi aveva scontato gli arresti domiciliari per rapina aggravata. L’auto era nella disponibilità di T.C. tant’è che a gennaio a una pattuglia lo aveva fermato alla guida per controlli lungo l’autostrada nei pressi di padova, e poi a dicembre del 2010 era stato arrestato a bordo della stessa automobile, dai Carabinieri di Modena in seguito ad una rapina.

Scattava pertanto, in collaborazione del personale delle Squadre Mobili di Modena e Ferrara, la perquisizione disposta dal pubblico ministero D’Orlando della Procura di Belluno, nelle abitazioni del soggetto. La perquisizione effettuata in Ferrara portava al sequestro di una penna Mont Blanc, che il denunciante riconosceva successivamente senza ombra di dubbio come sua.

Anche il successivo monitoraggio delle utenze telefoniche dava esito positivo e confermava la presenza a Cortina nella data dell’avvenuto furto e la corrispondenza con il percorso segnalato dal programma “trova il mio iphone”.

L’indagine diretta dal sostituto procuratore D’Orlando ha portato all’identificazione di T.C. di Ferrara, indagato per furto aggravato. Ed ha permesso di recuperare parte della refurtiva.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.