13.9 C
Belluno
mercoledì, Luglio 15, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Aggregazioni tra pmi: dal 30 ottobre via alle domande per il bando...

Aggregazioni tra pmi: dal 30 ottobre via alle domande per il bando da oltre 6 milioni complessivi

lavoroPotranno presentare domanda a partire dalle ore 10.00 di giovedì 30 ottobre via posta elettronica certificata le aggregazioni di imprese che intendono partecipare all’assegnazione degli specifici finanziamenti regionali per un importo complessivo di 6 milioni 150 mila euro, in base alla nuova legge in materia (n. 13/2014). Lo “sportello” di presentazione delle domande chiuderà alle ore 17.00 del 10 novembre, a meno che non si esauriscano prima le risorse disponibili.

“La nuova legge che riscrive completamente la disciplina in materia di distretti industriali, reti innovative regionali e aggregazioni di imprese – fa presente l’assessore regionale allo sviluppo economico, ricerca e innovazione Isi Coppola – è pensata per le imprese venete che scelgono di affrontare le sfide della competitività anche attraverso le diverse forme aggregative consentite, che rispondono al meglio alle necessità di semplificazione e flessibilità che le imprese oggi richiedono. Le aggregazioni di imprese, a cui è specificamente dedicato questo bando, possono veramente diventare uno strumento immediatamente gestibile dalle PMI venete per investire subito in innovazione di processo e di prodotto, con cui rafforzare la presenza e la visibilità dei prodotti finali sui mercati nazionali e internazionali. Una bella sfida che il Veneto è assolutamente pronto a vincere”.

La dotazione finanziaria consentirà investimenti nell’economia regionale superiori a 12 milioni di euro, giacché il bando prevede la concessione di un contributo in conto capitale del 50% della spesa ammissibile. Le risorse saranno assegnate a interventi realizzati da aggregazioni di almeno tre tra piccole e medie imprese, in materia di internazionalizzazione, ricerca e innovazione, sviluppo sostenibile e salvaguardia ambientale. Le imprese potranno presentarsi aggregate in una delle seguenti forme: a) contratto di rete, b) consorzio con attività esterna, società consortile o società cooperativa, c) associazione temporanea d’impresa (ATI). La spesa ammissibile è compresa tra 30 mila e 300 mila euro. Di conseguenza, il contributo massimo concedibile per ciascun intervento progettuale è di 150 mila euro.

Share
- Advertisment -



Popolari

Giovedì in piazza. Il presidio di Fratelli d’Italia si sposta in via Mezzaterra

“Per dare continuità a quanto fatto la scorsa settimana e su esplicita richiesta di alcuni cittadini residenti nella zona, anche questo giovedì (16 luglio)...

Presentato in Provincia il calendario venatorio 2020. Saranno uccise femmine e piccoli di cervo

È stato presentato questa mattina, a Palazzo Piloni, il nuovo calendario venatorio, approvato dall'amministrazione provinciale. Si tratta del principale strumento della gestione autonoma della...

La finanza che affronta la crisi: i fondi di investimento nel 2020

Se da un lato la crisi finanziaria dovuto al crollo della Borsa nel Marzo 2020 sembra ormai pronta a diventare solo un nuovo capitolo...

Valorizzazione delle falesie del Nevegal. Marco Bogo: «Collaborazione con associazioni e Cai per il recupero sportivo e ambientale»

Valorizzare le falesie già conosciute e recuperare ambientalmente e sportivamente quelle meno note, con la collaborazione delle associazioni e dei comuni del comprensorio del...
Share