Wednesday, 20 September 2017 - 15:05

Aggiornamento epidemiologico: scoppio della malattia del virus di Ebola in Africa occidentale. Circa i 10 mila casi dall’inizio dell’epidemia”e quasi 5’000 morti 

Ott 25th, 2014 | By | Category: Prima Pagina, Sanità, Società, Istituzioni

ospedaleDal dicembre 2013 e a partire dal 19 ottobre 2014, sono stati segnalati 9.936 casi della malattia (EVD) del virus Ebola in Africa occidentale, di cui 4.877 morti. I casi supplementari dagli Stati Uniti e il nuovo caso in Mali segnalato il 23 ottobre non sono stati riconosciuti dall’OMS e non sono inclusi nei dati complessivi.

La distribuzione dei casi è come segue:

Paesi che hanno segnalato casi nei 42 giorni precedenti (paesi colpiti secondo l’OMS)

•           Guinea: 1 540 casi e 904 decessi a partire dal 19 ottobre 2014;

•           Liberia: 4 665 casi e morti 2 705 a partire dal 18 ottobre 2014;

•           Sierra Leone: 706 3 casi e 1 259 morti a partire dal 19 ottobre 2014;

•           Mali: uno importato confermato caso dalla Guinea è stato segnalato in Kayes, Mali il 23 ottobre;

•           Stati Uniti: quattro casi tra cui una morte. Conferma dell’ultimo caso si è verificato a New York il 23 ottobre 2014;

•           Spagna: un caso, nessun decesso. Il caso è il risultato di trasmissione secondaria in Spagna per un’infermiera che ha curato per un paziente EVD che era stato evacuato dalla Liberia isolata su 6 ottobre 2014;

Hanno segnalato casi più di 42 giorni fa (paesi precedentemente commovente secondo l’OMS)

•           Nigeria: 8 morti e 20 casi. La Nigeria è stata dichiarata libera da Ebola il 19 ottobre 2014;

•           Senegal: 1 caso importato confermato, nessun decesso. Senegal è stato dichiarato dal virus Ebola il 17 ottobre 2014.

Il team di risposta inviato dall’OMS per Ebola ha dimostrato che i casi EVD attuali presentano un decorso dell’infezione simile, rispetto ai precedenti focolai di EVD con i segni e i sintomi identici. Il periodo di incubazione è stato stimato essere 11,4 giorni con intervallo seriale di 15,3 giorni. Il rapporto di contenitore-fatalità stimato tra 010 4 casi con risultato clinico noto in Guinea, Liberia e Sierra Leone è stata del 70,8% (95% CI: 68.6 – 72,8%) con alcuna differenza evidente tra i paesi.

Situazione in Guinea, Sierra Leone e Liberia:

secondo l’OMS la trasmissione dell’EVD rimane persistente e diffusa in Guinea, Liberia e Sierra Leone. I casi di trasmissione dell’EVD rimangono più bassi in Guinea, ma i numeri dei casi sono ancora molto elevati in termini assoluti. La trasmissione rimane intensa nelle capitali dei tre paesi più colpiti. Il numero dei casi continua ad essere sottostimato, soprattutto dalla capitale liberiana Monrovia.

Situazione tra gli operatori sanitari nell’Africa occidentale:

a partire dal 19 ottobre 2014, sono stati segnalati 442 operatori sanitari infettati con EVD dei quali 244 sono morti.

Di seguito la distribuzione dei casi e dei decessi tra gli operatori sanitari nei cinque paesi colpiti nei dettagli:

Numero di casi e decessi di Ebola in operatori sanitari nell’Africa occidentale:

Paese   Casi di operaio di sanità

(% dei casi segnalati) Morti di operaio di sanità

(% di decessi segnalati)

Guinea            78 (5.1)           41 (4.5)

Liberia             222 (4.8)         103 (3.8)

Sierra Leone    129 (3.5)         95 (7,5)

Nigeria            11 (55,0)         5 (62,5)

Spagna 1 (100.0)         0

Stati Uniti d’America   2 (66.0)           0

Totale 443 (4.6)         244 (5.0)

Situazione fuori dall’Africa occidentale:

STATI UNITI D’AMERICA

Un nuovo caso è stato segnalato il 23 ottobre. Il caso riguarda un medico che si offrì volontario in Guinea e recentemente tornato negli Stati Uniti.

Il 20 ottobre, il Texas Health Department ha confermato che 43 persone nel Texas che hanno avuto contatto con il paziente infettato da Ebola sono state cancellate dal monitoraggio di due volte al giorno dopo aver superato il periodo di 21 giorni.

Il 22 ottobre, la U.S. dipartimento di Homeland Security (DHS) ha annunciato che tutti i passeggeri che arrivano negli Stati Uniti il cui viaggio proviene da Liberia, Sierra Leone o Guinea li sarà richiesto di volare in uno dei cinque aeroporti che hanno la maggiore proiezione e risorse aggiuntive sul posto. Essi saranno attivamente monitorati dalle autorità sanitarie per 21 giorni. I viaggiatori riceveranno un kit all’arrivo e devono segnalare ogni giorno allo stato o sanità pubblica locale. Il kit contiene informazioni e un termometro. Devono misurare la loro temperatura ogni giorno e avvertire se avvertono i sintomi della malattia. Essi devono inoltre comunicare qualsiasi viaggio previsto. Se gli individui non collaborano, “i funzionari della sanità pubblica prenderanno provvedimenti immediati per individuare l’individuo per assicurare che il monitoraggio attivo continui quotidianamente”.

Spagna

Non sono stati segnalati nuovi casi dopo il 6 ottobre in Spagna, quando è risultata positiva un’infermiera . Dal 21 ottobre 2014, è stata dichiarata libera dall’ EVD. Ottantatre persone venute a contatto sono ancora in corso di monitoraggio attivo.

Mali

Il Ministero della salute in Mali ha segnalato che una bambina di due anni che recentemente era arrivata dalla Guinea ha risultata positiva ad Ebola. Questo è il primo caso confermato di infezione del virus di Ebola in Mali .

Evacuazioni mediche da paesi colpiti da EVD:

Diciassette persone sono state evacuate o rimpatriate dai paesi colpiti da EVD. A partire dal 24 ottobre, ci sono state evacuazioni mediche di  nove casi confermati di EVD in Europa (tre in Germania, due in Spagna, uno nel Regno Unito, uno in Francia, uno in Norvegia e uno in Svizzera) e due persone esposte sono state rimpatriate nei Paesi Bassi.

Evacuazione medica e rimpatrio da paesi colpiti EVD, a partire dal 24 ottobre 2014

Data di evacuazione    Evacuati da     Evacuati a       Professione     Stato    Confermato     Cittadinanza

2 agosto 2014 Liberia             Atlanta (USA)             Operaio di sanità         Scaricate          Sì         STATI UNITI D’AMERICA

5 agosto 2014 Liberia             Atlanta (USA)             Operaio di sanità         Scaricate          Sì         STATI UNITI D’AMERICA

6 agosto 2014 Liberia             Madrid (Spagna)         Operaio di sanità         Morte   Sì         Spagna

24 agosto 2014           Sierra Leone    Londra (Regno Unito)             Operaio di sanità         Scaricate          Sì             REGNO UNITO

27 agosto 2014           Sierra Leone    Amburgo (Germania) Epidemiologo Recuperato      Sì         Senegal

4 settembre 2014        Monrovia, Liberia       Omaha (USA)             Medico (ginecologo)   Stabile             Sì         STATI UNITI D’AMERICA

9 settembre 2014        Kenema, Sierra Leone            Atlanta (USA)             Medico            Stabile             Sì         STATI UNITI D’AMERICA

14 settembre 2014      Sierra Leone    Leiden (Paesi Bassi)    Operaio di sanità         Scaricate          No       i Paesi Bassi

14 settembre 2014      Sierra Leone    Leiden (Paesi Bassi)    Operaio di sanità         Scaricate          No       i Paesi Bassi

19 settembre 2014      Liberia             Parigi (Francia)            Operaio di sanità         Scaricate          Sì         Francia

22 settembre 2014      Sierra Leone    Madrid (Spagna)         Operaio di sanità         Morte   Sì         Spagna

22 settembre 2014      Sierra Leone    Losanna (Svizzera)     Operaio di sanità         Ammesso        Sconosciuto     Non Svizzera

28 settembre 2014      Sierra Leone    Maryland (USA)         Operaio di sanità         Ammesso        Sconosciuto     STATI UNITI D’AMERICA

2 ottobre 2014            Sierra Leone    Francoforte (Germania)          Operaio di sanità         Stabile             Sì             Uganda

2 ottobre 2014 Liberia             Omaha (USA)             Cineoperatore Stabile             Sì         STATI UNITI D’AMERICA

6 ottobre 2014 Sierra Leone    Oslo (Norvegia)          Operaio di sanità         Sconosciuto     Sì         Norvegia

8 ottobre 2014 Liberia             Leipzig (Germania)     Operaio di laboratorio             Morte   Sì         Sudan

Ecco la cronologia degli eventi che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” riporta:

23 ottobre 2014: i centri statunitensi per il controllo e la prevenzione (CDC) hanno confermato un nuovo caso segnalato il 23 ottobre a New York City. Il caso è un aiuto medico, volontario in Guinea e recentemente tornato negli Stati Uniti. Inoltre, il Ministero della salute in Mali ha segnalato che una ragazza di due anni recentemente arrivata dalla Guinea ha è risultata positiva ad Ebola. Questo è il primo caso confermato di infezione del virus di Ebola in Mali.

19 ottobre 2014: Nigeria è stata dichiarata libera da Ebola

17 ottobre 2014: Senegal è stato dichiarato libero da Ebola.

14 ottobre 2014: negli USA, un infermiere del Texas Health Presbyterian Hospital che è stato in contatto di un paziente EVD è risultato positivo all’Ebola.

10 ottobre 2014: negli USA, un infermiere del Texas Health Presbyterian Hospital che è stato in contatto di un paziente EVD è risultato positivo all’Ebola.

6 ottobre 2014: le autorità spagnole hanno segnalato un caso confermato di EVD in un infermiere che ha curato il secondo di due pazienti colpiti da EVD che sono stati trasferiti in Spagna.

3 ottobre 2014: in Senegal, tutti i soggetti che sono stati  in contatto con il paziente colpito da EVD avevano completato il periodo di follow-up di 21 giorni senza sviluppare la malattia. Nessuna trasmissione locale di EVD è stata segnalata in Senegal. Il caso importato è risultato negativo il 5 settembre. Il Senegal è stato dichiarato libero da Ebola 17 ottobre 2014 (due periodi di incubazione dopo l’ultimo caso isolato risultato negativo).

30 settembre 2014: The US Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha annunciato il primo caso importato di EVD a noi collegato per l’attuale epidemia in Africa occidentale.

23 settembre 2014: uno studio pubblicato dal team di risposta OMS sull’Ebola ha previsto oltre 20.000 casi (5740 in Guinea, 9890 in Liberia e 5000 in Sierra Leone) all’inizio di novembre 2014. Lo stesso studio ha stimato il tempo di raddoppiamento dell’epidemia a 15,7 giorni in Guinea, 23,6 giorni in Liberia e in Sierra Leone 30,2 giorni.

18 settembre 2014: il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha riconosciuto lo scoppio EVD come una «minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale» e ha adottato all’unanimità una risoluzione sull’istituzione di un’iniziativa non-ampia che concentra l’attività di tutte le agenzie competenti delle Nazioni Unite per affrontare la crisi .

29 agosto 2014: il Ministero della salute in Senegal ha segnalato un caso confermato importato di EVD di un 21enne maschio nativo della Guinea.

8 agosto 2014: WHO ha dichiarato il focolaio di Ebola in Africa occidentale una evento che riguarda la sanità pubblica di preoccupazione internazionale (PHEIC). Il 23 ottobre, che ha nuovamente confermato che lo scoppio ha continuato a costituire un’emergenza di salute pubblica come un problema internazionale.

Fine luglio 2014: un caso sintomatico effettuò un viaggio in aereo a Lagos, in Nigeria, dove ha infettato un numero di operatori sanitari e persone venute in contatto in aeroporto prima che la sua condizione venisse riconosciuta essere EVD.

Maggio 2014: Sierra Leone e Liberia segnalano i primi casi. Si presuppone che il contagio è avvenuto dalla Guinea attraverso il movimento di persone infette che hanno attraversato le frontiere terrestri.

22 marzo 2014: il Ministero della salute in Guinea ha allertato WHO di un’epidemia in rapida evoluzione della malattia virale Ebola (EVD) . I primi casi si sono verificati nel dicembre 2013. Lo scoppio è causato da un clade di Zaïre ebolavirus correlato ma distinto da virus che è stato isolato da precedenti epidemie in Africa centrale e chiaramente distinta da ebolavirus Taï foresta che è stato isolato in Costa d’Avorio negli anni 1994 – 1995. I primi casi sono stati segnalati dalla Guinea sud-orientale nella capitale Conakry.

Oggi dopo la morte di una bambina di due anni, il Mali si va ad aggiungere a Guinea, Liberia, Sierra Leone, Usa e Spagna come paese in cui l’epidemia è considerata attiva, mentre Nigeria e Senegal sono ‘virus free’. Sono 450 invece gli operatori sanitari che si sono infettati, di cui 244 sono morti. Secondo l’OMS il reale numero delle persone colpite dalla malattia potrebbe essere fino a tre volte superiore a causa delle famiglie che preferiscono tenere i malati in casa. Gli esperti ritengono inoltre che sono 15 i paesi africani con un alto rischio di importare il virus.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.