Tuesday, 21 November 2017 - 04:27

Provincia. Confindustria promuove con riserva il programma dei sindaci. Cappellaro: “bene l’attenzione alla competitività delle imprese, ma ci sono anche alcune gravi carenze su questioni strategiche per lo sviluppo economico”

Ott 10th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina
Gian Domenico Cappellaro presidente Confindustria Belluno Dolomiti

Gian Domenico Cappellaro presidente Confindustria Belluno Dolomiti

Apprezzamento per la priorità data alla competitività delle imprese. Perplessità per alcune inspiegabili carenze, che fanno temere un approccio troppo timido su questioni strategiche per lo sviluppo economico del territorio. E’ questo, in sintesi, il giudizio di Confindustria Belluno Dolomiti al programma predisposto dai sindaci che dovrà essere attuato dall’amministrazione provinciale guidata da Daniela Larese Filon, ovviamente in caso di vittoria alle elezioni (indirette) in programma domenica.

«Innanzitutto – afferma il presidente dell’associazione industriali Gian Domenico Cappellaro – l’auspicio è che dalle votazioni che vedono impegnati gli amministratori locali emergano un presidente e un consiglio provinciale con una chiara e forte legittimazione a governare, perché in questo momento, dopo un lungo e ancora inspiegabile commissariamento, abbiamo bisogno di un ente che sia politicamente rappresentativo e funzionale. Pur continuando ad avere grandi perplessità su una Provincia non elettiva, anche in relazione alla legge regionale sulla specificità, adesso è il momento di guardare avanti, auspicando un’ampia condivisione degli obiettivi che la nuova amministrazione dovrà realizzare con determinazione e senso di responsabilità».

«Da questo punto di vista  – prosegue Gian Domenico Cappellaro – è un buon punto di partenza il fatto che la competitività delle aziende sia tra le priorità programmatiche, anche se ciò vale in assoluto e non solo in relazione ai territori contermini. Positiva anche l’attenzione al problema della banda larga e alla richiesta di un’integrazione tra gomma e rotaia, quale soluzione ottimale per il trasporto pubblico. Su quest’ultimo punto, serve peraltro pragmatismo e ampia condivisione». Accanto alle note positive, ci sono anche quelle negative. «Nel capitolo della viabilità strategica – osserva ancora il presidente degli industriali – non c’è nemmeno un accenno all’opera più importante per il nostro territorio: lo sbocco a nord. Non possiamo rinunciare aprioristicamente a questo collegamento». «L’altra mancanza – aggiunge Cappellaro – riguarda le energie rinnovabili, citate genericamente e quasi di sfuggita. Non vorrei che su questo punto prevalesse, ancora una volta, un’opposizione meramente ideologica alla realizzazione di nuovi impianti di produzione di energia pulita».

«Alla nuova amministrazione provinciale – conclude il presidente degli industriali – chiediamo dunque di confermare con i fatti l’attenzione al tema della competitività delle imprese, anche se ciò dovesse comportare scelte difficili. La priorità deve essere il benessere delle nostre comunità, non il consenso personale».

Share

One comment
Leave a comment »

  1. […] presidente dei confindustri bellunesi dice di apprezzare il programma dei sindakos che si apprestano a soffocare quello che resta della Provincia, anche […]

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.