Tuesday, 26 September 2017 - 07:21

Il vostro voto (per il Consiglio di Area Vasta)  è rubato a 200.000 bellunesi    * di Silvano Martini 

Ott 9th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina
Silvano Martini

Silvano Martini

Caro Consigliere Comunale o Sindaco del bellunese, Domenica 12 ottobre sarai chiamato a votare per eleggere il Presidente ed Consiglio dell’Area Vasta di Belluno. Riguardo a questa farsa, perché tale è questo meccanismo elettorale di secondo grado per l’elezione del consiglio dell’area vasta di Belluno ( nuovo nome della soppressa provincia di Belluno),  ecco il mio personale invito ai consiglieri elettori.

in luogo del voto per una lista o per l’altra e per l’unico candidato presidente, ritengo preferibile NON VOTARE, e far mettere a verbale una dichiarazione che dica in modo chiaro che la legge DelRio è una legge fascista che toglie ai cittadini bellunesi ( e non invece a Trento o a Bolzano, oppure a tutte le province delle regioni ad autonomia speciale) il diritto di eleggere i propri rappresentanti. Toglie ai bellunesi il diritto di governare, con un’autonomia responsabile, il proprio territorio.

Questa legge vergognosa deve essere rispedita al mittente e non avvallata, oltretutto anche da chi come il BARD doveva combatterla, con la presenza di una lista in più messa in piedi all’ultimo minuto.

Per mesi, nel BARD, si è fatta pressione per trasformare il movimento in un partito di rappresentanza territoriale trasversale ed inclusivo. La lobbie Piddina di Bona, Broccon e Cason & C. ha impedito che questo avvenisse e la seconda lista è sortita non certo per portare avanti le istanze autonomiste ma solo come regolamento di conti in seno al PD.

I dirigenti del BARD, che ora chiedono il voto in nome dell’autonomia, sono già pronti a sostenere la Moretti o comunque il candidato PD alle regionali.  Sono pronti perciò a sostenere una candidata ed un partito, il PD, che sono responsabili del disastro della legge Delrio e della dannosissima,  centralista e totalitaria riforma del titolo V. Una riforma di stampo fascista che accentra tutti i poteri e la gestione delle ricchezze dei territori nelle mani dello stato.

Non è un buon affare votare alle elezioni di Secondo livello Domenica prossima e tanto meno è un affare votare la lista presentata all’ultimo minuto dal BARD.

Votare a queste elezioni-farsa significa in fondo scegliere tra la padella e la brace … Molto meglio non votare e far mettere a verbale la denuncia di una legge, la la legge Delrio, che toglie al popolo bellunese il diritto di voto è che distrugge con la Democrazia la stessa sopravvivenza dei territori.

Non votare è l’unica risposta veramente democratica a chi, con leggi liberticide, insulta la democrazia.

Silvano Martini

ex consigliere provinciale democraticamente eletto.

Share

7 comments
Leave a comment »

  1. Patetico e basta.

  2. Quattro partiti in quattro anni, quest’uomo è pura coerenza politica!

  3. Si può definire Martini patetico solo per quanto riguarda il suo appello a coloro che andranno a votare.
    Alla stragrande maggioranza di sindaci e consiglieri bellunesi non è mai interessato un fico il problema dell’autonomia.
    L’abbiamo verificato durante tutti gli incontri che il Bard ha organizzato nel territorio.
    Quasi sempre disertati da lorsignori, tranne lodevoli, singole eccezioni.
    Sono sempre stati accodati al rais di turno (salvo ricevere continuamente sonore sberle in faccia) e lo dimostrano anche in questa occasione.
    Concordo con Tessarolo nel ricordare ai bellunesi, che hanno la memoria corta, il cambiamento a 360° del Pd provinciale e degli stessi sindaci riguardo la legge Del Rio; ferocemente contro l’organo di secondo grado in un primo tempo, con la coda tra le gambe dopo le direttive da Roma.
    Orgoglio bellunese.

  4. Perfettamente d’accordo sul NON andare a votare.
    Ma con le cime del 90% di sindaci che abbiamo la vedo dura.

  5. @martini: poarett, che vita grama che te deve aver…

  6. @merovingio
    comunque mai quanto sostenere una pagliacciata del genere.
    tristezza e fastidio.

  7. @cleber: arruolati nell’isis…la sanno seguire le regole come piace a te…

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.