13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 31, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo La tecnologia dei jet francesi per il rilancio dell'Acc di Mel: un...

La tecnologia dei jet francesi per il rilancio dell’Acc di Mel: un avanzato software di modellazione 3D in comodato d’uso gratuito dal Consorzio dei Comuni Bellunesi. Cappellaro: “grande sostegno da parte delle istituzioni”

Acc Compressor MelLa tecnologia dei jet francesi per l’Acc di Mel. Da qualche mese, infatti, l’azienda zumellese dispone di un avanzato software di modellazione 3D, concesso in comodato d’uso gratuito dal Consorzio dei Comuni Bellunesi Bim Piave, che lo ha acquistato direttamente da Dassault Systèmes, filiazione della casa madre Dassault Aviation: quest’ultima è l’azienda aeronautica francese che produce gli aeromobili d’affari Falcon e i famosi aerei militari Mirage e Rafale.

«Prima dell’acquisizione da parte di Wanbao Group Compressor – spiega il commissario straordinario Maurizio Castro – abbiamo chiesto il sostegno del Consorzio Bim Piave di Belluno, manifestando in particolare l’esigenza di potenziare il reparto di ricerca e progettazione, nonostante la nostra impossibilità ad effettuare investimenti significativi. A conferma della vicinanza e del sostegno di tutte le istituzioni ad Acc, anche questo ente si è subito reso disponibile a fornirci questo software che aveva a disposizione e che a noi serviva per ridurre i tempi di progettazione e quindi per garantire una risposta più veloce alle richieste di un mercato globale ed estremamente competitivo».

«Fa piacere – commenta Mario Manfreda, vicepresidente del Consorzio dei Comuni bellunesi – che il nostro software sia stato utile all’Acc, storica fabbrica della nostra provincia e maggior produttore italiano di compressori, a suo tempo dichiarata insolvente e posta in amministrazione straordinaria nel giugno del 2013. Volevamo dare un contribuito al miglioramento della competitività dell’azienda per garantire il mantenimento di centinaia di posti di lavoro a Mel. Questo si è avverato con l’acquisizione dell’Acc da parte della multinazionale cinese, che è stata sicuramente facilitata dal fatto di poter disporre di competenze e tecnologie avanzate come il software di modellazione 3D».

«Nella vertenza Acc – dichiara Gian Domenico Cappellaro, presidente di Confindustria Belluno Dolomiti – c’è stato un grande sostegno da parte di tutte le istituzioni, dalla Regione Veneto al Comune di Mel, passando per il Consorzio dei Comuni. E’ con il contributo di tutti che si è giunti a questo esito, nella speranza che, una volta conclusa l’acquisizione da parte di Wanbao Group Compressor, vi possa essere un effettivo rilancio di questo importante polo produttivo della nostra provincia».

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Massaro e Perenzin sollecitano Zaia: «Asili nido ancora fermi. Vogliamo riaprirli, la Regione si decida»

  Appello dei sindaci bellunesi alla Regione Veneto affinché provveda alla riapertura degli asili nido: l'ordinanza regionale n. 50 dello scorso 23 maggio - che...

Escursionista si perde nella nebbia

Ponte nelle Alpi (BL), 31 - 05 - 20    Alle 11.15 circa la Centrale del 118 è stata contattata per avere informazioni da...

On line il sito dell’Associazione proprietari Nevegal. Progetti per rendere vivibile il Colle tutto l’anno

Il Covid-19 non ha fermato l’Associazione proprietari Nevegal che in questi mesi ha realizzato un sito internet www.associazioneproprietarinevegal.it e condiviso idee e progetti con...

Auronzo. La giunta mette a disposizione 500mila euro del Fondo Comuni Confinanti per l’emergenza covid-19

La giunta comunale di Auronzo di Cadore ha convocato in Sala consiliare i presidenti delle Regole, dell’Ente Cooperativo, del Consorzio Turistico, dello Iat, del...
Share