Monday, 16 September 2019 - 13:02
direttore responsabile Roberto De Nart

Documentario sulle Dolomiti di Badaloni/Slanzi. Perché è stato gestito a Trento fornendo informazioni marginali su Cortina? * di Mario Maffucci

Set 21st, 2014 | By | Category: Lettere Opinioni, Prima Pagina

letteraANALISI DEI DATI DI ASCOLTO DEL DOCUMENTARIO SULLE DOLOMITI DI BADALONI/SLANZI

“…su Rai Storia e su altre sei emittenti internazionali andranno in onda sei documentari realizzati per la Fondazione (F) da Piero Badaloni. Un’ impresa mai tentata finora… comunicare al grande pubblico le Dolomiti…” (Marcella Morandini da “IL CADORE” n°7 luglio 2014).

Il primo dei 6 documentari, realizzato con la collaborazione di Fausta Slanzi (vedi IL GAZZETTINO e IL CORRIERE DELLE ALPI dall’8 al 13 settembre) è andato in onda appunto sabato 13 settembre su Rai Storia alle ore 19.30 per 55 minuti.
E’ stato visto da 45 mila spettatori per lo share dello 0,26% (la media dell’ascolto dell’intera giornata del Canale è dello 0,50%).
Senza entrare nel merito della linea editoriale, che – come noto – NON ho mai condiviso, il risultato dell’operazione mediatica è – mi si consenta il termine – da “dilettanti” e non corrisponde certo al valore dell’investimento:
• RAI STORIA: Canale Digitale Terrestre non racconta il futuro. Le Dolomiti hanno solo una storia? E’ il Canale più adatto per comunicare le Dolomiti?
• ORARIO: lo spazio 19:30/20:30 è quello meno favorevole all’ascolto perché a quell’ora le Tv Generaliste e Satellitari mandano in onda l’informazione del giorno. Quindi il responsabile del Palinsesto di Rai Storia ha sacrificato il nostro documentario per non “bruciare” un altro prodotto (la collocazione oraria si tratta al momento della vendita dei diritti).
• ASCOLTO: 45 mila spettatori sono un indice da Media cartaceo, non certo di un canale televisivo. IL GAZZETTINO – per esempio – ha una tiratura di 66 mila + 4 mila digitale (70 mila).
• COSTO: Badaloni/Slanzi non hanno utilizzato un accurato “studio di fattibilità” sulla stessa ipotesi di lavoro (costato alla F 20-30 mila euro), eseguito da un signor autore, Gabriele Cipolliti, che è il coordinatore e il regista dei programmi di Piero Angela. Non è la prima volta che nel merito osservo che la F ha consentito ad un privato, senza titoli per raccontare le Dolomiti, di disporre di 300 mila euro (a questa cifra si arriva con la vendita dei diritti ad “altre 6 emittenti internazionali” vedi Marcella Morandini/IL CADORE n°7 luglio 2014). Non è vero quindi che il documentario sia costato 90 mila euro (vedi IL GAZZETTINO). A riguardo però non ho ancora ricevuto una risposta formale che l’opinione pubblica invece si aspetta per ovvie ragioni.
• DIRITTI: la F non ha incardinato l’operazione con un contratto (!) che assegnasse a lei la titolarità dei diritti (perché l’investimento sull’opera è delle Province) e conferisse alla SOCIETA’ DI PRODUZIONE di Badaloni (LAND COMUNICATION) il ruolo di produttore Esecutivo.
• CONCLUSIONE: questo “caso” è il risultato di una scelta gestionale che ha “azzerato”
la governance della Fondazione:- COMITATO TECNICO: avrebbe potuto stilare un solido contratto a favore della F.
– COMITATO SCIENTIFICO: avrebbe potuto indicare una diversa linea editoriale.
– GRUPPO DI COMUNICAZIONE: avrebbe potuto suggerire creatività nei contenuti e attenzione alla realtà dei territori.
– CDA: avrebbe potuto valutare diversamente il dossier, se ben preparato (vedi).
– IL CONSULENTE PER LA COMUNICAZIONE: avrebbe potuto assistere la F nella trattativa con la Rai.
• IN SOSPESO: a giochi fatti, si tenga presente che l’intesa di Piero Badaloni con le Province è stata quella di dare, in cambio dell’investimento, 2/6 documentari a BZ e TN e 1/6 documentari ciascuno BL, PN e UD per le attività di promozione delle Dolomiti nel proprio territorio. Si attendono i prodotti.
• MORALE DELLA FAVOLA: tutta l’operazione dei 6 documentari è stata accolta, organizzata e gestita a TRENTO, negli uffici della Provincia, fornendo informazioni marginali a Cortina. Perchè?
Sono pronto ovviamente a documentare ogni passaggio di questa scheda.
Mario Maffucci 

 

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Perfettamente d’accordo.
    Ma è chiaro che chi mette i soldi detta anche le condizioni.
    Ora staremo a vedere se l’area vasta’ bellunese, con la futura dirigenza ‘unitaria’ e con le disponibilità finanziarie che avrà a disposizione (?), saprà/potrà essere in grado di gestire autonomamente la comunicazione pubblicitaria.
    La risposta chiaramente è intuibile.
    Guardiamo in faccia la realtà: non riusciremo mai a promuovere adeguatamente le nostre bellezze con conseguente ritorno turistico. Le due pessime stagioni passate hanno ormai messo la pietra tombale su questo comparto, sul quale molti ponevano le nostre residue speranze di riscatto.
    Non ci resta altro che sperare in un ritorno a nostro vantaggio di riflesso dalle azioni che promuoveranno le province autonome. Idem dalla gestione attuale di Bolzano/Bozen della Fondazione Dolomiti Unesco, che è subentrata alla fallimentare passata gestione bellunese.
    Un altro tornaconto l’avremo dalla loro gestione dei passi dolomitici di Campolongo, Falzarego e Valparola, come Durnwaldr aveva proposto a suo tempo. Auspicabile stanti le croniche mancanze di Veneto Strade.

  2. Bravo Mario, visto che ci siamo confrontati prima della nostra manifestazione davanti la fondazione per la questione Terna sai che condivido il tuo pensiero.
    Abbiamo il 41 % del sito UNESCO e ci trattano come comprimari, ora però sono disposti ad aiutarci dice il nostro Sindaco.
    Noi dovremmo imporci, non prendere suggerimenti ambientali di gestione del territorio da chi nel loro ha costruito impianti di risalita, strade e infrastrutture ovunque, dicendo a noi che non dobbiamo fare nulla.
    Da chi dopo aver avvelenato i loro raccolti ora ora fa il paladino dei nostri.
    Riprendiamoci la nostra identita senza venderci alla pianura, ma sopratutto senza regalarci ai sud tirolesi che ci considerano dei ………….
    Dimostriamo che esisistiamo senza farci mettere i piedi in testa, non sono i nostri politici, sono quelli che lavorano senza contributi e senza agevolazioni da sempre che devono imporsi, perchè ad armi pari siamo molto più bravi e i posti belli sono nostri.

  3. Nel frattempo personale della “area vasta” è andato in Regione Veneto e sono tornati a casa con i fondi per gli Uffici del Turismo dimezzati. Comunque vedo che tutti son contenti perchè sono più ….. specifici. Quindi. Tutto bene.