Wednesday, 18 September 2019 - 01:54
direttore responsabile Roberto De Nart

Venerdì a Paiane il Tango Querido! Le storie dei tanghi e la poesia del mimo

Set 17th, 2014 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Direttamente da Buenos Aires, primo ed unico spettacolo al mondo di mimo e tango.

“Due attori con la precisione dei mimi, la grazia e il portamento dei ballerini e l’extraquotidianità dei burattini”.

“Tango Querido!” è forma umoristica, dissacrante, perfino parodistica che riplasma la materia viva del tango sposando la maestria dei danzatori al rigore del mimo.

tango querido leggera“Tango Querido!” andrà in scena al Piccolo Teatro Pierobon di Paiane di Ponte nelle Alpi venerdì 19 settembre 2014 alle ore 21. Autori e interpreti Marcelo Guardiola e Giorgia  Marchiori, in arte Los Guardiola, reduci da una tournée che  ha portato con successo in tutto il mondo questo spettacolo che è il primo e unico a coniugare teatro, tango e mimo. Dopo il consueto soggiorno estivo proprio in Valbelluna, e prima del loro ritorno in Argentina, propongono il loro splendido spettacolo come unica e ultima data per l’Italia.

Los Guardiola compiono i loro studi di mimo nel Mimoteatro di Buenos Aires sotto la direzione dei maestri Igon Lerchundi e Roberto Escobar, due leggende viventi del mimo internazionale: allievi diretti di Étienne Decroux e compagni di Marcel Marceau nel 1973 crearono il Mimoteatro de Buenos Aires Escobar-Lerchundi, uno dei primi teatri dedicato interamente al Mimo e tra i pochi attualmente esistenti al mondo.

In “Tango Querido!” rappresentano “microstorie ispirate a testi di tanghi famosi” degli anni Venti, Trenta e Quaranta, immortalate da musicisti e da grandi voci dell’epoca. Un’umanità variegata vi si anima, fantasmi del passato e macchiette del presente: il suonatore itinerante (figura oggi scomparsa, primo diffusore del tango nel suburbio di Buenos Aires) con la bambola meccanica e l’organito che implacabile porta quella musica allora “proibita e indecente” alle orecchie dei benpensanti che non vorrebbero sentire; il pícaro rapace che come uccello notturno plana sul candore indifeso della migrante italiana fresca di sbarco; i milongueros frequentatori delle milonghe per “solos y solas” in cerca d’incontro, dove l’uomo rivolge a “la mujer un gesto con la cabeza” quando individua colei che fa al caso suo; il bailarín de tango migrante nella Parigi degli anni ’20, alla prese con una diversa filosofia del tango e quindi della vita; la crudele condanna tanguera (oggi semplicemente… femminicidio) della donna fedifraga che cade sotto il coltello del partner tradito.

Altre storie ancora s’intrecciano, negli 80 minuti di spettacolo che due interpreti superlativi fanno apparire brevissimi. “Due attori con la precisione dei mimi, la grazia e il portamento dei ballerini e l’extraquotidianità dei burattini”: ambedue disegnano la scena con essenzialità geometrica, poiché ogni passo è nella danza ciò che la parola è nella poesia, illuminazione che svela e ridefinisce il reale, quello esteriore come quello più intimo.

Lo spettacolo è organizzato dall’Associazione Culturale 32100. Il prezzo del biglietto è di 15 euro. Per prenotazioni e informazioni si può telefonare al 335 5451239 oppure scrivere all’indirizzoassociazioneculturale32100@gmail.com

 

Share

Comments are closed.