Monday, 16 September 2019 - 12:18
direttore responsabile Roberto De Nart

Identificato il 25enne che martedì ha rapinato un turista inglese. Recuperata anche l’intera somma di 670 euro

Set 5th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

polizia 150x113Verso le ore 19,30 di martedì 2 settembre 2014, il cittadino inglese S.D.W., di anni 66, che trascorreva un breve periodo di vacanza a Belluno, veniva avvicinato da un giovane, di origine extracomunitaria, che con la scusa di fargli visitare la città lo conduceva in via Sottocastello. Approfittando di un momento di disattenzione dell’inglese il giovane infilava una mano nella zaino del turista impossessandosi del portafoglio con la somma di 670 euro minacciandolo nel caso avesse cercato di reagire. Lo sconosciuto si dava quindi a precipitosa fuga facendo perdere le proprie tracce.

Il cittadino inglese spaventato dall’atteggiamento particolarmente aggressivo e determinato del soggetto, non accennava alcuna reazione e, dopo un primo momento di sconcerto, si recava presso la Questura di Belluno per riferire quanto gli era successo, fornendo una dettagliata descrizione della persona che lo aveva rapinato.

Le immediate indagini svolte nell’immediatezza del fatto da personale della Squadra Mobile e dell’U.P.G.S.P., mirate ad identificare l’autore della rapina, condotte anche attraverso la capillare visione dei filmati registrati dalla telecamere del sistema di video/sorveglianza del Comune di Belluno, portavano all’identificazione del reo, che veniva identificato per il cittadino marocchino M.M., di anni 25, temporaneamente domiciliato in città ma proveniente dal padovano.

Il soggetto, clandestino per revoca del permesso di soggiorno da parte della Questura di Padova, già conosciuto dalle forze dell’ordine e con precedenti specifici per reati contro il patrimonio commessi con l’uso della violenza, veniva rintracciato in questo centro cittadino dalla Squadra Mobile, che riusciva ad impedirne la fuga. L’individuo ammetteva di essere l’autore della rapina e la perquisizione a cui veniva sottoposto permetteva il recupero dell’intera somma di denaro asportata, che veniva, pertanto, interamente recuperata.

Per l’individuazione del rapinatore sono state sentite tutte le persone presenti ai fatti e visionate le telecamere del sistema di video/sorveglianza del Comune di Belluno che, attraverso l’estrapolazione di alcuni fotogrammi che lo ritraevano, hanno consentito, di fatto, di giungere alla sua individuazione ed identificazione. Infatti il personaggio, grazie all’attività di controllo del territorio espletata dalle pattuglie della Polizia di Stato, che lo avevano già controllato in precedenza, è stato riconosciuto dal personale che lo ha rintracciato attraverso la fotosegnaletica, e dal confronto è risultato essere il reo.

L’uomo, in considerazione dei numerosi indizi, il tentativo di fuga e la sua confessione, è stato sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria, essendo il quadro probatorio costruito dalla Polizia di Stato incontrovertibile.

Share

Comments are closed.