13.9 C
Belluno
martedì, 31 Marzo, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Progetto sui cereali antichi. Parte con il botto l'iniziativa di domenica del...

Progetto sui cereali antichi. Parte con il botto l’iniziativa di domenica del Gruppo Coltivare condividendo

 

“Un grazie di cuore alle centinaia di persone che hanno partecipato e reso davvero bella la giornata dedicata ai cereali antichi e svoltasi domenica 31 agosto a Fonzaso. Una partecipazione e un interesse che va oltre le più rosee aspettative”.

Tiziano Fantinel
Tiziano Fantinel

Lo dice Tiziano Fantinel, per il Gruppo Coltivare condividendo che da anni promuove il recupero delle antiche sementi.

“Sono state oltre 500 le persone che hanno deciso di diventare dei custodi della biodiversità – riferisce Fantinel –  e che hanno pertanto ricevuto sementi di orzo, grano, piselli, insalata, cereali.. da coltivare e riprodurre. Siamo ben lieti di affidare gratuitamente delle sementi antiche a tutti coloro che desiderano moltiplicarle (seguendo alcuni criteri tecnici che suggeriamo) consentendo a queste sementi riproducibili (a differenza di quelle sterili ogm diffuse dalle multinazionali ndr) e adatte a una coltivazione sana e sostenibile di diffondersi sempre più.

Una pratica antichissima quella dell’auto prodursi il seme, minacciata sia da leggi e norme sempre più restrittive, che da pratiche e da una costante perdita di conoscenze e sementi.

Momenti come quello fonzasino hanno la prerogativa anche di consentire una condivisione non solo dei semi, ma anche di saperi ed esperienze, di creare e rinsaldare collaborazioni e relazioni, per intraprendere percorsi sempre memo solitari ma all’insegna della partecipazione e del fare assieme.

Anche il convegno tecnico dedicato alla coltivazione dei cereali antichi è stato seguito da oltre 200 persone. Relatori d’ eccezione Riccardo Bocci (rete semi rurali) e Giandomenico Cortiana (aveprobi) che hanno portato la loro notevole esperienze nel settore. Moltissimi e molto interessanti anche gli interventi di coltivatori e trasformatori provenienti da Veneto, Trentino, Friuli e altre zone d’Italia.

Un convegno che è stato soprattutto un momento di avvio di un percorso comune e collaborativo per dare vita, anche nella nostra zona a una filiera dei cereali antichi. Una grande opportunità per questo nostro territorio dalle enormi potenzialità, troppo spesso lasciato in balia di speculatori e cacciatori di contributi.

Una filiera dei cereali antichi che sarà inevitabilmente basata su una sperimentazione, che anche in questo caso sarà partecipata e costruita da tanti. Oltre 50 le adesioni di coltivatori e auto produttori che mettono a disposizione terreno, tempo, energia, passione e competenze per dar vita a una serie di “campi catalogo”.  In ognuno di essi verranno seminate una serie di parcelle con cereali antichi, che, monitorati, forniranno dati utili per identificare quali varietà sono più indicate in questa o quella zona.

Dati poi condivisi, confrontati, analizzati e divulgati da tutti i partecipanti al progetto totalmente auto finanziato. Il tutto all’insegna della massima trasparenza.

Le adesioni al progetto sono ancora aperte e prevedono una serie di incontri informativi su metodologie di coltivazione e modalità di realizzazione (ovviamente mai imposte e sempre decise di comune accordo).

Siamo molto contenti della massiccia partecipazione – conclude Tiziano Fantinel in rappresentanza del Gruppo Coltivare condividendo – , delle tante adesioni e anche del coinvolgimento di molti giovani in questi nostri progetti; ma soprattutto della passione, del desiderio di partecipazione e di voler essere parte di un percorso in cui ogni uno è protagonista e attore.

Troppo spesso ci troviamo dinnanzi a iniziative molto strombazzate e finanziate, calate dall’alto e decise da pochi. Il nostro desidera essere un percorso opposto e la partenza ci sembra decisamente incoraggiante”

 

Share
- Advertisment -

Popolari

A Paiane di Ponte nelle Alpi un progetto artistico triennale diretto dal maestro Vico Calabrò

In questi tempi solleviamo lo scudo contro il Covid-19, ma lo solleviamo anche a favore dell'arte e della bellezza, che ancora una volta "salverà...

Coronavirus. Donazzan: “Lavoratori senza ammortizzatori sociali, come gli educatori d’infanzia nelle Ipab”

Venezia, 31 marzo 2020 - Un assegno straordinario ad hoc, attingendo ai fondi della programmazione regionale Fse, per garantire una forma di ammortizzatore sociale...

Emergenza Coronavirus nelle case di riposo e nuovo piano della Regione. Cisl approva ma chiede impegno costante sulla sicurezza

Venezia-Mestre, 30 marzo 2020 - La tutela della salute e della sicurezza degli ospiti delle case di riposo e del personale che li assiste...

Emergenza Covid nelle case di riposo. 5 Stelle Veneto: “Zaia in ritardo su una situazione drammatica”

”Mentre in Veneto uno dei costi più alti del coronavirus lo stanno pagando gli ospiti delle case di riposo e gli operatori sanitari che...
Share