Monday, 16 September 2019 - 12:16
direttore responsabile Roberto De Nart

Ebola, aggiornamento epidemiologico: stato dell’epidemia in Africa occidentale e Repubblica democratica del Congo

Set 1st, 2014 | By | Category: Prima Pagina, Sanità, Società, Associazioni, Istituzioni

vaccino-leggerissimaL’8 agosto 2014, l’organizzazione mondiale della sanità dichiarò l’evolversi  in Africa occidentale del focolaio della malattia del virus di Ebola (EVD). Dal dicembre 2013 e a partire dal 26 agosto 2014, 071 3 casi di EVD, compreso 1 553 decessi sono stati segnalati dall’OMS. Questo è il primo focolaio di EVD in Africa occidentale che è senza precedenti nella sua dimensione e la distribuzione geografica e nell’influenzare aree urbane densamente popolate. Lo scoppio è attualmente in una fase di rapido aumento e non ha ancora raggiunto il picco. Le aree ufficialmente segnalate sono generalmente ritenute sotto-stimate rispetto alla grandezza reale del focolaio. Durante le ultime tre settimane (settimana 33-35), quasi il 53% dei casi sono stati segnalati da tre contee in Liberia: Monserrado (20,6%) nei pressi della capitale Monrovia, l’adiacente contea di Margibi (19,3%) e Lofa (13.0%), confinanti con la Sierra Leone e Guinea. Durante lo stesso periodo in Sierra Leone, nei distretti di Kenema e Kailahun sono stati segnalati il 7,2% ed il  6,0% dei casi totali. In Guinea, la prefettura di Macenta è la località più colpita (6,0% del totale del caso in Africa occidentale durante settimana periodo 33-35). Pertanto, lo scoppio è attualmente in evoluzione nell’area transfrontaliera dei tre paesi e nella capitale liberiana Monrovia. Il 26 agosto 2014, il Ministero della salute, Repubblica democratica del Congo (RDC) ha segnalato un focolaio di EVD nella provincia di Equateur. Il ceppo che ha causato la diffusione è stato identificato come Zaïre ebolavirus, della stessa specie che è stata isolata in quello dell’Africa occidentale. Tuttavia, non esiste alcuna prova che lo scoppio nella RDC è direttamente collegato a quello dell’Africa occidentale. Lo stesso sforzo ha causato sei focolai nella Repubblica democratica del Congo, dal 1976, e gli antecedenti suggeriscono un’introduzione zoonotica indipendente. Nella tabella seguente viene visualizzato il conteggio dei casi sino al 26 agosto 2014. I dati si basano sulle migliori informazioni disponibili segnalate dai ministeri della salute, attraverso il mondo salute organizzazione ufficio regionale per l’Africa.

Paese     Nuovi casi e decessi segnalati fino al 26 agosto 2014

Morti e casi confermati

Guinea

                Casi        648                         Morti      430

Liberia

                Casi        1378                      Morti      694

Sierra Leone

                Casi        1026                      Morti      422

Nigeria

             Casi        19                         Morti      7

Totale

                Casi        3071                      Morti      1553

Il numero totale di casi è soggetto a modifiche a causa di riclassificazioni, indagine retrospettiva, consolidamento di casi e dati di laboratorio e rafforzata la sorveglianza. Nonostante gli sforzi per limitare la diffusione, un notevole numero di nuovi casi hanno continuato a essere segnalati da tutti i quattro paesi colpiti rispetto al precedente aggiornamento epidemiologico dell’ECDC del luglio 2014, dimostrando che l’epidemia non è ancora stata portata sotto controllo. Mentre la velocità di trasmissione rimane stabile in Guinea, sembra aver accelerato in Liberia e Sierra Leone. Il rischio di infezione per i viaggiatori in visita, Guinea, Liberia e Sierra Leone è considerato molto basso. Le Infezioni umane derivano maggiormente dal contatto diretto con i fluidi corporei o le secrezioni da un essere umano infetto, e i più alti rischi di infezione sono associati con la cura dei pazienti infetti, specialmente in ambito ospedaliero, non sicure procedure mediche, compresa l’esposizione ai dispositivi medici contaminati, come aghi e siringhe e non protetta esposizione ai fluidi corporei contaminati.L’ente raccomanda di non applicare per Guinea, Liberia, Sierra Leone e Nigeria sulla base delle informazioni attuali disponibili per questo evento o eventuali restrizioni di viaggio o commercio.L’ECDC evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ha comunicato di continuare a monitorare attentamente la situazione dello scoppio di epidemia di Ebola nella regione dell’Africa occidentale.

Share

Comments are closed.