Monday, 16 September 2019 - 00:29
direttore responsabile Roberto De Nart

Reclutamento Isis in Veneto. Piccoli: “Il Governo latita, mai nessuna risposta alla mia interrogazione sul caso Mesinovic”

Ago 29th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Giovanni Piccoli, senatore Pdl

Giovanni Piccoli, senatore Pdl

“Il 12 febbraio scorso presentai ai ministri dell’Interno e degli Esteri una interrogazione sul caso di Ismar Mesinovic,  scomparso qualche settimana prima dal Bellunese con il figlioletto per poi morire nel conflitto siriano in circostanze che già allora sembravano davvero poco chiare e decisamente inquietanti. Dopo sette mesi il Governo non mi ha mai degnato di una risposta e scopre solo ora che quello non era un caso isolato, lo scopre soltanto perchè è stata avviata una indagine e il caso è diventato nazionale”.

A dirlo è il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli alla luce dell’inchiesta dei Ros sul reclutamento per l’Isis  in terra veneta. Inchiesta che vede al centro la figura di Ismar Mesinovic, uno dei 6mila bosniaci arrivati in Italia dopo la guerra del 1995 nella ex Jugoslavia. Ismar, professione imbianchino, ha abitato a Ponte delle Alpi e poi a Longarone con la moglie di origine cubana che non si è mai convertita e che oggi non sa più nulla del figlio di due anni che l’uomo ha probabilmente portato in Siria. A gennaio trapela la notizia della morte di Ismar Mesinovic mentre combatteva tra le fila degli integralisti dell’Isis contro il governo di Assad, per ricostituire il califfato.
“Il caso venne ben raccontato dai media locali ma spesso, purtroppo, quello che accade a Belluno interessa poco al di fuori dei confini provinciali, una leggerezza di cui il Governo penso debba assumersi delle responsabilità”.
“Ai ministri chiesi lumi sulla politica dell’antiterrorismo a nordest e rassicurazioni sulle sorti del figlio di Mesinovic. Zero risposte in sette mesi, con il risultato che ora si deve correre ai ripari. Questo la dice lunga sulla politica del Governo su questioni di enorme importanza per l’ordine pubblico”.
“All’Esecutivo chiedo di rispondere, seppure tardivamente, a quella interrogazione, ma soprattutto di alzare le difese e le antenne. Qui c’è in gioco la stabilità di un intero territorio”.
Share

Comments are closed.