Saturday, 21 September 2019 - 02:35
direttore responsabile Roberto De Nart

Successo dell’iniziativa dell’Estate tizianesca: 260 visitatori alle case storiche Casa Gera e Palazzo Monti Giacobbi

Ago 22nd, 2014 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni

estate tizianescaFare sistema è vincente. I 260 visitatori alle case storiche Casa Gera e Palazzo Monti Giacobbi hanno segnato il successo dell’iniziativa dell’Estate Tizianesca, intrapresa in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Belluno, con il supporto di Ait Dolomiti, l’agenzia di informazione turistica di Confindustria Belluno.

«Un Comelico giovane – commenta Maria Giovanna Coletti, presidente della Fondazione Tiziano -ha accolto il grande gruppo con una perfetta organizzazione. Merito anche del neo eletto Sindaco di Candide di Comelico Superiore Marco Staunovo, del Caporegola Marco Zambelli e dell’aiuto di Daniela Zambelli e Giulia De Mario: tutti giovani impegnati nelle istituzioni.

In Comelico il pubblico è stato sorpreso e meravigliato dalla bellezza delle due case, bellezza che superava ogni immaginazione. Accanto ai dipinti, agli intarsi e boiserie, testimonianza di una committenza raffinata, è stato proposto anche il Comelico odierno attraverso la lavorazione dei prodotti gastronomici quali formaggi, salumi, pane e biscotti; anche il gusto quindi come fatto culturale».

«Naturalmente – aggiunge Maria Giovanna Coletti – un ruolo fondamentale è stato svolto dai proprietari delle case, Nicola Sinopoli e Piero Fabris per Casa Gera ed Alvise Giacobbi per Palazzo Monti Giacobbi, appassionati custodi del patrimonio. Hanno aperto le porte delle loro case, sopravvissute intatte nei secoli, ospitato e guidato i visitatori. Per completare il tour, è stata proposta la visita alle vicine chiese, grazie alla guida di Daniela Zambelli e Giulia De Mario. Nel folto gruppo erano presenti anche 40 architetti, molto motivati e partecipi. Che sia questo l’inizio di una nuova attenzione e valorizzazione verso il nostro patrimonio architettonico del Cadore?»

 

Share

Comments are closed.