Monday, 16 September 2019 - 00:14
direttore responsabile Roberto De Nart

Presidenza provincia e Consorzio Bim. Massaro convoca i rappresentanti politici, le categorie economiche e i sindacati per definire le strategie. Cappellaro condivide l’iniziativa

Ago 14th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Jacopo Massaro“Per me è impensabile parlare di nomi per la presidenza della Provincia e del Consorzio Bim se non abbiamo deciso una piattaforma su cui “fare lobby” tutti insieme, ad esempio rispetto alla Regione e allo Stato e, soprattutto, se non abbiamo vincolato a questo patto chi siederà in tali enti”.

Lo afferma il sindaco di Belluno Jacopo Massaro nell’annunciare la sua iniziativa: “Oggi ho convocato per giovedì prossimo (21 agosto) Sindaci, Parlamentari, Consiglieri Regionali, Categorie economiche e Sindacati per decidere 5 punti strategici, secchi, sintetici, per lo sviluppo socioeconomico della provincia per i prossimi 15 anni. Penso ad esempio al completamento della banda larga, all’integrazione gomma-rotaia del trasporto pubblico con sbocco a nord della ferrovia, solo per fare qualche esempio”.

Gian Domenico Cappellaro presidente Confindustria Belluno Dolomiti

Gian Domenico Cappellaro presidente Confindustria Belluno Dolomiti

La proposta del Primo cittadino raccoglie immediatamente il consenso del presidente di Confindustria Belluno Dolomiti Gian Domenico Cappellaro che dice: «L’iniziativa del sindaco di Belluno Jacopo Massaro va nella giusta direzione: è fondamentale che amministratori pubblici, organizzazioni sindacali e associazioni di categoria definiscano insieme le priorità di governo per la Provincia di Belluno».

«In questo difficile momento di transizione – prosegue il presidente degli industriali bellunesi – è indispensabile individuare insieme le linee strategiche per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio, così da definire un programma di governo il più possibile condiviso. A tal proposito Confindustria Belluno Dolomiti è disponibile a dare il proprio contributo in modo costruttivo, in particolare segnalando quelle che sono le priorità per il mondo delle imprese che rappresenta. Penso, ad esempio, al tema delle infrastrutture materiali e immateriali: la diffusione della banda larga, la viabilità, il rilancio della ferrovia e, più in generale, del sistema del trasporto pubblico locale. Ma penso anche alla semplificazione dei procedimenti burocratici e amministrative e alla manutenzione del territorio. Tema, quest’ultimo, di grande attualità, che richiede una programmazione seria e responsabile, oltre ovviamente a investimenti adeguati. E poi c’è il turismo, un settore strategico per l’intero sistema economico bellunese: anche in questo ambito la prossima amministrazione provinciale dovrà agire in sinergia con gli operatori privati, e in particolare con il Consorzio Dolomiti».

«Insomma – conclude Gian Domenico Cappellaro – i punti sui quali costruire un programma di governo serio e concreto non mancano. Sarà importante, però, che tutti antepongano il bene del territorio agli interessi personali e di parte: solo così l’iniziativa del sindaco Jacopo Massaro potrà essere davvero utile».

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Predica bene Cappellaro: “anteporre il bene del territorio agli interessi personali e di parte” solo se si riesce a realizzare questo principio Belluno e provincia avranno un futuro, principalmente teso allo sviluppo di un economia turistico-culturale e ambientale atta a dare e portare a Belluno quella stessa tranquillità e ricchezza che ha portato l’Austria nei decenni del dopo guerra e sviluppare appunto un economia consona e rispettosa dell’ambiente facendola diventare la Nazione più tranquilla economicamente e socialmente d’Europa.
    Sperando che anche i signori della confindustria adeguino le loro attività ed il loro sviluppo al rispetto ed al giusto ed equilibrato sfruttamento di un territorio di tutto rispetto come è la nostra bella provincia.