Tuesday, 17 September 2019 - 17:20
direttore responsabile Roberto De Nart

Referendum per autonomia e indipendenza del Veneto. Ruffato: “Impugnare le leggi sui referendum consultivi vuol dire impedire ai veneti di esprimersi, e questo non lo permetteremo”

Ago 10th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

clodovaldo ruffato“Comprendo l’impugnativa sulla legge regionale 16 (referendum indipendenza) perché era già stato fatto presente che insistevano elementi di incostituzionalità, ma non capisco affatto l’impugnazione della legge regionale 15 sul referendum per l’autonomia. Al Governo c’è qualcuno che non capisce le istanze del Veneto e ci prende in giro!” Lo afferma il Presidente del Consiglio regionale del Veneto Clodovaldo Ruffato (NCD), dopo aver letto il comunicato del consiglio dei ministri.

“Se la legge regionale 15 fosse anticostituzionale allora significa che lo sono anche le Regioni autonome esistenti”, rilancia Ruffato: “pertanto che tutte le regioni autonome, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia in primis, tornino a statuto ordinario!”

Pur riservandosi di intervenire ulteriormente dopo aver letto in dettaglio le motivazioni dell’impugnativa (quando saranno rese pubbliche, ndr), il Presidente Ruffato assume una posizione decisa: “Qualcuno ci sta prendendo per i fondelli: si tratta di due leggi diverse e impugnarle perché entrambe in contrasto con gli stessi articoli della Costituzione mi pare esagerato!”

“Significa”, conclude Ruffato, “che a Roma sono proprio “de coccio” e non capiscono per nulla le istanze del nostro territorio veneto!”

“Per essere coerenti con i due articoli dei principi fondamentali della Costituzione citati nell’impugnativa (il 3 e il 5) per la legge regionale 15”, conclude Ruffato, “allora chiederemo che tutte le regioni siano allo stesso livello: o tutte ordinarie o tutte speciali nello stesso modo e con le stesse percentuali di risorse trattenute in loco”.

“In questo momento qui la situazione economica e occupazionale è grave e noi non possiamo più competere con il TAA e il FVG, perché le disuguaglianze sono evidentissime: non è tollerabile che il Veneto sia considerata una regione di serie B e i Veneti cittadini italiani di serie B!”

 

Share

Comments are closed.