Monday, 16 September 2019 - 00:12
direttore responsabile Roberto De Nart

Arcobaleno chimico? Le immagini del fenomeno dal rifugio Su’n Paradis a Zoldo Alto

Ago 3rd, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

cerchi chimici 1 Un arcobaleno concentrico al sole. Questo lo spettacolo che si è presentato agli escursionisti che nel primo pomeriggio di oggi, domenica 3 agosto, si trovavano al rifugio Su’n Paradis, in località Grava, nel Comune di Zoldo Alto, dove si teneva il primo slackline party organizzato dai ragazzi di Superpark.

Sul fenomeno vi sono varie interpretazioni. Qui riportiamo quella dello scienziato canadese Neil Finley:

“Queste interferenze prismatiche con lunghezze d’onda luminose avvengono solo con materiale solido estremamente fine. Queste fini particelle sospese generano campi di interferenza attorno ad ogni particella, cambiando il colore della luce. Mentre il vapore acqueo che si solidifica in cristalli di ghiaccio ad elevate altitudini può generare dei pareli (cerchi luminosi) attorno al sole ed un’occasionale aureola attorno alla luna, gli oleosi colori dell’arcobaleno visti molto più comunemente nelle scie delle aviocisterne e nelle nuvole artificiali sono firme chimiche”.

Dunque i cerchi chimici, che si formano anche a temperature elevate, sono una delle numerose anomalie atmosferiche legate alle chemtrails (scie chimiche). E’ probabile che siano i cristalli di quarzo dispersi con i tankers a creare questi effetti ottici, ma soprattutto il titanato di stronzio ed il titanato di bario.

Fonti:
Enciclopedia di Astronomia e di Cosmologia, Milano, 2006, s.v. parelio
Enciclopedia delle Scienze, Milano, 2005, s.v. alone solare, cirro
W.Thomas, Le scie chimiche compromettono la vita sulla Terra, 2006

Share

9 comments
Leave a comment »

  1. 🙂 che bella la verità <3

  2. Grazie per le informazioni scientifiche.

  3. Agghiaggiandeeeeeeeee

  4. Gentile redazione, più volte ho criticato la vostra testata. Qui però abbiamo toccato il fondo. Già in altri vostri articoli ho potuto (purtroppo) notare la simpatia che nutrite per le teorie del complotto. Per informare bisogna controllare le fonti. Provate a trovare informazioni su questo fantomatico neil finley. Magari da fonti non in lingua italiana. Magari da siti che non siano parte del circolo complottaro di rettiliani, haarp, signoraggio e menate varie. Magari da papers scientifici. Le anticipo il risultato?
    Queste teorie che voi diffondete non hanno alcun fondamento scientifico, non hanno alcuna prova se non testimonianze di gente che “io non sono un esperto, ma secondo me è così.”
    Ma ovviamente tutti i metereologhi, tutti gli scienziati, tutti i piloti di aerei a parte 3 o 4 citati nei vostri siti fanno parte del nwo, per cui come ci si può fidare di ciò che dicono?

  5. Ho pauraaaaaaaaaaaaa

  6. Egregio Vittorio Tison, premesso che la prima parte della notizia è incentrata sulla spettacolarità del fenomeno poi integrata da un’opinione di un addetto ai lavori, se lei è uno scienziato ha certamente conoscenze tali per controbattere ed argomentare dell’accaduto. Se invece non è uno scienziato potrà senz’altro attingere ad altre fonti autorevoli per confutare l’ipotesi rappresentata.
    Attendiamo fiduciosi

  7. Signori della Redazione
    Ho appena perso il lavoro e adesso lor signori mi sparano addosso queste scie ghimighe!!! È un gombloddo bello e buono!!
    PATTEGGIAMOOOOAAAAA!!!!

  8. Gentile redazione, probabilmente il “chimico” del titolo mi ha tratto in inganno. così come probabilmente trarrà in inganno altri lettori. Inoltre mi fa strano che un addetto ai lavori così influente ed importante non esista su internet se non in siti complottisti ITALIANI.
    Inoltre, scrivendo su google senza molta inventiva “arcobaleno senza pioggia” ho scoperto molti siti del NWO italiano che parlano di fotometeore. Nella fattispecie, pare che quello che il premio nobel mancato Neil Finley abbia scoperto, rimanendone atterrito, sia una pericolosissima “cloud irridescence”, mentre quello apparso in zoldo pare sia un “halo”.
    Ma non sono un giornalista, e nei 5 minuti che ho impiegato probabilmente ho preso i siti sbagliati.

    http://www.astrocaat.it/articoli/intro-fotometeore.shtml
    http://en.wikipedia.org/wiki/Cloud_iridescence
    http://en.wikipedia.org/wiki/Halo_(optical_phenomenon)

    PS
    “Although proponents have attempted to prove that the claimed chemical spraying does take place, their analyses have been flawed or based on misconception”
    http://en.wikipedia.org/wiki/Chemtrail_conspiracy_theory

  9. Gentile redazione, probabilmente il “chimico” del titolo mi ha tratto in inganno. così come probabilmente trarrà in inganno altri lettori. Inoltre mi fa strano che un addetto ai lavori così influente ed importante non esista su internet se non in siti complottisti ITALIANI.
    Inoltre, scrivendo su google senza molta inventiva “arcobaleno senza pioggia” ho scoperto molti siti del NWO italiano che parlano di fotometeore. Nella fattispecie, pare che quello che il premio nobel mancato Neil Finley abbia scoperto, rimanendone atterrito, sia una pericolosissima “cloud irridescence”, mentre quello apparso in zoldo pare sia un “halo”.
    Ma non sono un giornalista, e nei 5 minuti che ho impiegato probabilmente ho preso i siti sbagliati.

    http://www.astrocaat.it/articoli/intro-fotometeore.shtml
    en.wikipedia.org/wiki/Cloud_iridescence
    en.wikipedia.org/wiki/Halo_(optical_phenomenon)

    PS
    “Although proponents have attempted to prove that the claimed chemical spraying does take place, their analyses have been flawed or based on misconception”
    en.wikipedia.org/wiki/Chemtrail_conspiracy_theory