Thursday, 21 November 2019 - 10:51
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Autonomia bellunese: terminato l’esame. Reolon: “Un passo importante, auspico l’approvazione definitiva a giugno”

Apr 29th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Sergio Reolon

Sergio Reolon

“Per l’attuazione reale della autonomia della provincia di Belluno si tratta di un primo passaggio importante. A questo punto si aprono le porte per una rapida approvazione definitiva che auspico avvenga entro il mese di giugno”.

 Questo il commento del consigliere regionale del PD, Sergio Reolon, dopo la chiusura dell’esame e della discussione in commissione affari istituzionali del provvedimento ‘Interventi a favore dei territori montani e conferimento di forme e condizioni particolari di autonomia amministrativa, regolamentare e finanziaria alla Provincia di Belluno in attuazione dell’articolo 15 dello Statuto del Veneto’.

“E’ stato completato un lavoro molto proficuo che ha portato anche alcuni miglioramenti al testo. La ritengo un’ottima premessa per vedere finalmente completato, con il voto finale dell’aula, un percorso di portata storica per il territorio bellunese. Rimane da definire in maniera precisa tutta la partita dei finanziamenti per l’integrale copertura delle competenze che verranno trasferite”.

Share

19 comments
Leave a comment »

  1. “…si tratta di un primo passaggio…si aprono le porte per una rapida approvazione…che auspico…ottima premessa…rimane da definire…”.
    Campa cavallo, caro Reolon…nessuno vi crede più.

  2. A casa. Basta bugie

  3. @ pettazzi
    Mamma mia che pizza
    È un periodo,lungo ormai, che al bard non va giù niente. Peggio di una suocera sulla porta che suona il campanello. Mettiamola così se Reolon , Bond, ecc. porteranno a casa soldi e specificità voi vi dissolverete come neve al sole. Mi sembra un buon compromesso mal che vada se avrete ragione voi potrete essere eletti in qualsiasi posizione amministrativa. Quello che poi volevate con le votazioni provinciali. Peccato puntato tutto sul cavallo sbagliato, una volta eletti vorrò vedere le grandi capacità che vantate. Auguri

  4. @NicolA. Io critico chi fino a prova contraria è a Venezia nelle stanze dove si decide, e, volente o nolente, sono anni che non decidono.
    Questi sono i fatti.
    Se poi tu vuoi criticare me, fallo pure, ma è un altro discorso.
    Io mi baso solo su quanto è stato fatto, o non è stato fatto, finora.
    Ma dimmi pure quello che secondo te è stato ottenuto.
    Chissà che non mi apra gli occhi.
    Vale anche per Bond.

  5. @NicolA: hai ragione!

  6. @nicola magari si ottenesse l’autogoverno domattina caro Nicola . Si discute dell’autonomia in salsa veneta e intanto il luogo dove questa autonomia, robusta come un bordino di dado con la tempestina , dovrebbe essere gestita, è stato smontato a pezzi e ridotto ad un carrozzone inutile dove il bilancio non basta più nemmeno per pagare gli stipendi dei dipendenti.
    Hai ragione a dire che al BARD quello che accade non va bene. Quelli a cui va bene lo status quo, i protettori della inefficiente classe politica che nulla di buono ha prodotto e produce per il bellunese sono gli stessi che nulla di buon produrranno nel prossimo futuro che non sia continuare a occupare tutti i gangli della società e dell’economia bellunese al solo scopo di perpetuare il loro effimero potere.
    È divertente osservare come la principale occupazione dei Nicola di turno sia stare alla finestra aspettando gli eventi e dissertando leggiadramente sul futuro politico del BARD. Invito il signor Nicola a partecipare al,prossimo incontro con l’onorevole Dorfmann in occasione della sua prossima venuta nel bellunese . Si accorgerà della distanza siderale che separa il modo in cui si fa politica in sud Tirolo, basato sulla rappresentanza degli interessi del territorio e quello in uso da noi dove vien sempre prima il partito. Il BARD ha stretto un accordo con la SVP anche per significare con atti concreti che il modello politico adatto ad una piccola comunità come quella bellunese non può che essere quello del partito di raccolta. Certo nella provincia delle Dolomiti scalfire il sistema tribale non sarà facile. Serve tempo ma credo che la gente ci metterà poco a capire dove sta il suo interesse , che non è certo quello delle voraci strutture mangiasoldi che chiamiamo partiti nazionali .

  7. @Silvano Martini: sbaglio o anche tu hai militato nelle “voraci strutture mangiasoldi che chiamiamo partiti nazionali”?

  8. Ecco cosa diceva Stefano Ghezze di Silvano Martini, già Pdl, candidatosi poi con Scelta Civica:

    “L’opera di strumentalizzazione che Silvano Martini sta portando avanti in provincia di Belluno, sparando sui principali partiti, è sconcertante. Le contraddizioni della sua “salita” in campo con Mario Monti e il trentino Lorenzo Dellai sono evidenti a tutti coloro che sono dotati di un po’ di memoria. Dellai, che Martini continua a osannare come un dio, è uno dei principali artefici dello stop ai referendum bellunesi»”.

    http://ricerca.gelocal.it/corrierealpi/archivio/corrierealpi/2013/02/06/NZ_14_04.html?ref=search

  9. @lino ecco lino il,campione dei codardi che tira fuori le,dichiarazioni di uno degli affossatori della provincia !
    Ahahahah troppo divertente…
    È bello avere la coscienza pulita e potersi fare due risate di gusto …
    Spiace solo pensare ai poveri genitori di lino che vivi o morti che siano si debbono vergognare per aver messo al mondo un individuo viscido che non ha nemmeno il coraggio delle sue azioni. Povera gente !

  10. @Silvano Martini: Se Bottacin non fosse caduto secondo me militeresti ancora nel Pdl!

  11. @Silvano Martini: Ti ringrazio per gli insulti!

  12. Martini
    Se Pettazzi fa un po’ la suocera te fai Mose’ mo’ dividi le acque e segnaci la via della terra promessa ( il trentino ? ). Mi spiace per te non sto su nessuna finestra è solo che sono abituato a pensare con la mia testa e non credo a tutte le barzellette che mi vengono propinate.
    Lino
    Non sbagli, più o meno è quello l’obiettivo finale che è da tempo che cerco di fargli ammettere. Non mi sembra difficile Martini basta dire si lo scopo è una carega qualunque va bene anche tedesca. Se riesci a dirlo giuro che non ti rompo più. D’altronde ho sempre sostenuto che i referendum servono per uno scopo ben diverso da quello ufficiale è puro consenso popolare. In attesa della conferma resterà una mia opinione che in futuro se verrà confermata non mancherò di farla notare anche in tedesco se serve

  13. Martini
    Tu tu tuuuu Martini?ci sei saltata la linea? perché quando ti pungo nel vivo non rispondi più ? Lo so che mi odi quindi con il silenzio assenso confermi i miei post. Da ora non ti risponderò più mi limiterò a ricordare alla gente i tuoi buoni propositi. Anche gli insulti a chi la pensa diversamente dal movimento

  14. ……………………POVERI NOI BELLUNESI…… !!!!!!!!!!!!!!!???????????

  15. Non sembra a tutti di andare fuori dal seminato?
    Facciamo una pausa di riflessione per favore.

  16. Intanto qualcuno mi ha ricoperto di insulti… Mi chiedo se ricoprire di insulti chi la pensa in maniera diversa sia la linea del BARD…

  17. lino = troll … cancellatelo … fa solo confusione

  18. Caro Panda, troppo facile dare del troll a chi non la pensa come te!

  19. A proposito: tu come la pensi in materia di autonomia?