13.9 C
Belluno
mercoledì, Maggio 27, 2020
Home Cronaca/Politica Accatastamento impianti fotovoltaici. L'onorevole De Menech chiede la revisione della normativa

Accatastamento impianti fotovoltaici. L’onorevole De Menech chiede la revisione della normativa

Roger De Menech, deputato Pd
Roger De Menech, deputato Pd

Il deputato Bellunese del Partito Democratico Roger De Menech ha presentato – insieme ai colleghi Causi, Fragomeli e Rubinato – un Question Time al Governo, ed in particolare al Ministro dell’Economia e delle
Finanze, sul tema dell’accatastamento degli impianti fotovoltaici.
Lo scorso 19 dicembre 2013 l’Amministrazione fiscale è intervenuta con documenti di prassi per chiarire come vengono rilevati, ai fini delle imposte dirette e dell’IVA, gli incentivi erogati ai titolari di impianti di energia da
fonti rinnovabili, e come sono inquadrati in ambito catastale gli impianti fotovoltaici; in particolare, per gli impianti fotovoltaici a terra, considerati beni immobili, è previsto l’accatastamento nella categoria D/1 “opifici”.
Se invece si tratta di strutture poste su edifici, lastrici solari o su aree di pertinenza di altri immobili, non si dovrà effettuare un autonomo accatastamento, ma procedere alla rideterminazione della rendita dell’immobile
a cui i pannelli sono connessi.
Qualora la rendita aumenta di più del 15 per cento rispetto al valore originario, il proprietario è tenuto a comunicare la variazione all’agenzia del Territorio.
Se l’impianto è costruito in forza di diritto di superficie, va accatastato autonomamente e quindi dovrebbe assumere la categoria di opificio; infatti nella fattispecie il proprietario dell’impianto è diverso da quello
dell’immobile sottostante. In ultimo la circolare considera in ogni caso come beni mobili, e dunque non meritevoli di accatastamento, gli impianti di “modesta entità”.
“In assoluto contrasto con il principio comunitario “chi inquina paga”, molti cittadini sensibili alle questioni delle energie rinnovabili, come corrispettivo all’aumento della rendita, vedranno aumentare l’Imposta unica
comunale (Iuc), ovvero Imu, Tasi e Tari” – dichiara il deputato del PD Bellunese.
Molti cittadini che hanno scelto le rinnovabili dovranno rivolgersi a professionisti in grado di calcolare l’aggiornamento della rendita con ulteriori oneri di spesa.
“Coloro che hanno installato sulla propria abitazione un impianto fotovoltaico superiore ai 3 kWp” – prosegue De Menech – “saranno costretti ad aggiornare la rendita catastale come avessero costruito dei nuovi vani, in
relazione al valore del proprio impianto”.
“Chiediamo pertanto al Governo di verificare l’opportunità di rivedere la normativa recante l’accatastamento degli impianti fotovoltaici, al fine di non penalizzare i cittadini più sensibili ai temi ambientali che hanno scelto
di effettuare un investimento a lungo termine; anche prevedendo l’innalzamento della quota riferita al valore dell’impianto fotovoltaico del 15 per cento rispetto al valore dell’immobile, quale soglia massima per l’obbligo
di accatastamento, unitamente al mantenimento del 9 per cento quale valore percentuale di ammortamento annuo di un investimento riguardante un impianto di tipo fotovoltaico” – conclude De Menech.

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Comune di Alpago azzera le rette degli asili per i mesi dell’emergenza da marzo a giugno

Niente rette dell’asilo per i mesi da marzo a giugno. Lo ha deciso la giunta comunale di Alpago nella sua ultima seduta, quale segno...

Donazione alla Cucchini dal Comitato Gos da Gron di Sospirolo

La generosità non si ferma neanche durante il lockdown. L’attività della Cucchini neppure. L’associazione che da trent’anni si occupa di cure palliative, di assistenza...

Nuovo censimento e monitoraggio coordinato dei nidi: parte il progetto “Belluno città delle rondini”

Primo sopralluogo operativo del progetto "Belluno città delle rondini". Ieri pomeriggio i soggetti organizzatori dell'iniziativa di tutela del volatile hanno effettuato una ricognizione dei...

Ciclone Vaia: raccolti oltre 390mila euro per il Centro coordinamento soccorsi dei Vigili del fuoco di Belluno

Il Fondo di Solidarietà costituito a fine 2018 a favore delle popolazioni venete colpite dal ciclone Vaia da Confindustria Veneto e Cgil Cisl Uil...
Share