13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 31, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Obbligo del certificato penale per il personale a contatto con minori. I...

Obbligo del certificato penale per il personale a contatto con minori. I chiarimenti del Ministero della Giustizia

csvDopo la grande confusione generata nei giorni scorsi dall’entrata in vigore del decreto legislativo 39 del 4 aprile, che impone alle organizzazioni che impiegano personale a contatto con i minori di produrre un certificato penale del casellario giudiziale, dopo la mobilitazione delle reti di coordinamento del volontariato come Csvnet e lo stesso Comitato d’Intesa di Belluno, il Ministero della Giustizia ha chiarito i termini entro cui si muove la nuova disposizione legislativa.

Da domenica 6 aprile tutte le organizzazioni che occupano personale per attività professionali o volontarie a contatto diretto e regolare con i minori dovranno chiedere l’emissione di un certificato penale del casellario giudiziale (si tratta di un documento che attesta se una persona è soggetta a provvedimenti di condanna definitivi o in materia civile ed amministrativa, nella fattispecie se sono stati condannati per reati contro i minori). In assenza di questo attestato, la sanzione amministrativa per i datori di lavoro è pesante: la multa può andare dai 10 ai 15 mila euro. La disposizione legislativa risponde alla direttiva europea 2011/93/UE per la lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale di minori e contro la pornografia minorile. Il decreto però vale solo nel caso di instaurazione di nuovi rapporti di lavoro e non nel caso di rapporti già in corso. L’obbligo riguarderà (ad esempio) i nuovi insegnanti, i bidelli e gli istruttori sportivi (non le colf e nemmeno le badanti). L’obbligo di chiedere il certificato non grava su enti e associazioni di volontariato, qualora intendano avvalersi dell’opera di volontari. Da domenica tutti i soggetti identificabili come “datori di lavoro” dovranno chiedere ai nuovi dipendenti o consulenti di produrre il certificato penale. I certificati si possono reperire sul sito del Ministero della Giustizia:

https://www.giustizia.it/resources/cms/documents/modello_circolare3apr2014.pdf,

il costo di deposito del modulo è di 20 euro. Onlus, organizzazioni di volontariato, organizzazioni non governative e cooperative sociali potranno usufruire dell’esenzione d’imposta.

Nei giorni scorsi c’è stata una vera e propria mobilitazione da parte del mondo dell’associazionismo, anche bellunese, per contrastare l’imposizione della nuova gabella sulle spalle del volontariato. Il tempestivo intervento di enti e coordinamenti a livello locale e nazionale ha permesso di sciogliere alcuni dubbi nodali che avevano già creato preoccupazione e panico tra le associazioni e i gruppi solidali.

Share
- Advertisment -

Popolari

Vishing, la nuova frode informatica segnalata dalla Polizia Postale. Finti operatori di società emittenti carte di credito chiedono i nostri dati sensibili o bancari

E' un nuovo tipo di frode informatica. E' stata denominata "Vishing" perché cambia poco dal phishing o dallo smishing se non nel metodo utilizzato...

Commercialisti contro le affermazioni di Saviano. Marrone:”Frasi di una gravità assoluta”

“Le affermazioni di Roberto Saviano sono di una gravità assoluta: sostenere che i commercialisti italiani segnalano alla criminalità le aziende in crisi è quanto...

Dal 1° agosto, in tutta Italia, via ai saldi estivi. Zampieri: “Belluno si è sempre espressa per la totale liberalizzazione dei saldi per fronteggiare...

I saldi estivi quest’anno inizieranno il 1° agosto. “Prima dell’emergenza Coronavirus – afferma il presidente di Federazione Moda Italia di Confcommercio Belluno, Vittorio Zampieri -...

Oltre trenta elaborati per il logo del Fondo Welfare. De Biasi: «A breve il vincitore. Una mostra con tutti i lavori»

Partecipazione oltre le attese: sono circa una trentina gli elaborati giunti in Provincia per il concorso di idee per il logo del Fondo Welfare...
Share