Sunday, 17 November 2019 - 14:44
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Quel maldestro tentativo di indorare la Legge Delrio * intervento del segretario provinciale della Lega Nord Leonardo Colle

Apr 4th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Leonardo Colle

Leonardo Colle

Lasciano di stucco le dichiarazioni entusiastiche di De Menech e Massaro sugli effetti benefici e curativi della Legge Delrio: quella che riduce la Provincia di Belluno a poco più di una Comunità Montana, con un Presidente cooptato dai Sindaci e quindi privo di legittimazione popolare (e peggio ancora di autonomia decisionale).

La doratura della pillola è il dono della “specificità”, che però era già stata riconosciuta da tempo alla nostra provincia. Quindi la Legge Delrio nulla ha innovato, limitandosi a depotenziarci ulteriormente nei confronti di Trento e Bolzano.

Ulisse con il suo Cavallo di Troia rischia di fare la figura del dilettante allo sbaraglio.

Si può discutere se il Veneto debba ottenere l’Indipendenza, il rango di Regione Autonoma o anche solo il Federalismo, a seconda del credo politico di ciascuno di noi.

La Lega Nord ha seguito la via legalitaria del referendum consultivo sull’indipendenza: come hanno fatto altri popoli europei.

Ci dicano ora i paladini della Sinistra Bellunese come pensano di affrontare il problema del salasso fiscale del Veneto e del suo default economico.

Quanti soldi metteranno dentro il cavallo di legno della specificità donataci da Delrio: e da dove li andranno a prendere.

Lo dicano in fretta, perché il Veneto (e con il Veneto l’Italia) sta perdendo il sistema produttivo: e senza produzione crolla anche il settore servizi (niente reddito, niente tasse, niente stipendi pubblici e privati: la Grecia insegna). Si facciano un giro in Romania e dintorni per vedere dove si sono trasferite o “delocalizzate” le fabbriche venete. Vadano a verificare quale paese nordico (uno a caso, quello che dà la benedizione ai Presidenti del Consiglio non elettivi) controlla il sistema bancario greco.

Con buona pace della Puppato e delle sue pesantissime dichiarazioni contro gli attivisti della Lega Nord che hanno raccolto le firme della petizione popolare per il referendum. Apriti cielo se le avessimo fatte noi.

Leonardo Colle – Segretario provinciale Lega Nord

Share

5 comments
Leave a comment »

  1. @Leonardo Colle: come mai la Lega Nord, quand’era al governo del Paese, non ha concesso l’autonomia alla provincia di Belluno?

  2. Dopo un decennio di maggioranze bulgare impegnati a sostenere che Ruby era la nipote di Moubarak, si scordano che avevano portato l’Italia al fallimento, mentre compravano mutande verdi e diamanti con i soldi di romaladrona e ancora si permetttono di fare la lezioncina?

  3. Ricordo al buon Colle che il riconoscimento della specificità senza le risorse, i schei per capirci, non serve a nulla, è l’ennesima presa in giro di Zaia e compari.
    Il referendum serve solo a distogliere l’attenzione sui veri problemi del Veneto perché incapaci di risolverli.

  4. Cari signori, il baratro è davanti, non dietro.
    E non ci manca molto.
    Polemizzate pure ma tra poco rischia di venir giù tutto. Significa che una mattina potreste mettere la tesserina nel bancomat e non esce nulla. La Grecia insegna. Ed ora loro sono una colonia tedesca.
    Noi abbiamo difeso in qualche modo il sistema produttivo del Veneto. Voi…….

  5. PD e Lega seguono interessi e eseguono ordini che partono fuori di Belluno questi battibecchi da pollaio non servono