Wednesday, 16 October 2019 - 14:11
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Braderie d’Ampezzo: colori, musica e profumi a Cortina. Chiusa la tre giorni dedicata allo shopping, gastronomia, sport e alla musica

Mar 31st, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

braderie ampezzoIl profumo delle specialità dolci e salate proposte da ristoranti, enoteche, pasticcerie e locali, i colori che ammiccavano dalle vetrine del centro di Cortina, l’energia delle ultime sciate e delle feste nei rifugi, le note sotto il campanile illuminato che dalla piazza hanno raggiunto le cime delle Dolomiti. Cinque sensi e infinite occasioni per la Braderie d’Ampezzo, la nuova proposta primaverile che ha animato Cortina d’Ampezzo lo scorso fine settimana.

Mentre nelle giornate di venerdì, sabato e domenica, circa settanta attività tra negozi, boutique, locali, rifugi, società di servizi e ristoranti hanno proposto il meglio di sé per dare il benvenuto alla primavera e per regalare agli ospiti un gioioso week-end tra le piste innevate e lo scintillio del centro, sabato sera la musica ha conquistato un pubblico nutrito ed attento che ha sfidato l’aria pungente per assistere a Cortina Factor. Uno spettacolo sopra e sotto il palco della Conchiglia di piazza Dibona, che ha visto esibirsi dieci band della provincia alla presenza di una giuria formata da Giuseppe Milan, vocal coach, pianista e compositore, e un’entusiasta Roberta Beta, giornalista già icona del Grande Fratello 1.

Nella loro professionalità e severità i giudici hanno riservato parole di elogio e suggerimenti a tutti i partecipanti che hanno riscaldato la serata con voci e musica degni di un prime time televisivo.

Happydemia, Full Leather Jackets, Good Fingers, Armonauz, Naked Lady Couloir, Monkeys Flight, Phait, Koma Killer, Drunk Donkeys e Sonicroom non si sono di certo risparmiati, ognuno mettendo in campo il loro meglio, tra cover, arrangiamenti e brani autografi, Cortina Factor ha accontentato davvero ogni timpano.

Mentre le stelle illuminavano Cortina, l’esperto e sempre frizzante Antonio Colli, presentatore dell’evento, ha chiamato sul palco i giudici assieme agli organizzatori della Braderie d’Ampezzo e a Giovanna Martinolli, assessore alla cultura del Comune di Cortina che ha concesso il proprio patrocinio all’evento musicale per un riepilogo delle dieci esibizioni e per svelare che, a giudizio insindacabile, il gruppo che ha rivelato il vero fattore Cortina è stato quello dei Drunk Donkeys con la loro riproposizione del successo del Led Zeppelin “Whola lotta love”. Un grande classico carico di verve, che ha coronato questi tre giorni di una Cortina più viva che mai!

 

Share
Tags:

Comments are closed.