Tuesday, 16 July 2019 - 04:06

Acc Mel: firmato il decreto che riconosce il credito Iva di 1,8 milioni. Stefano Cesa: “Oggi possiamo lanciare lo sguardo verso il futuro con più serenità”

Mar 22nd, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro, Economia, Turismo, Riflettore

Acc Compressor Mel“Un altro importante passo in avanti è stata fatto nella complessa vicenda Acc e nell’azione di salvataggio di un patrimonio bellunese, industriale e occupazionale, la cui dispersione non può essere consentita oltre che restituire centralità ad un vero progetto di recupero della tradizione manifatturiera delle nostre terre”.

Lo afferma in una nota il sindaco di Mel nell’annunciare lo sblocco del credito Iva vantato dall’azienda zumellese.

Giovedì 13 marzo, presso il Municipio del Comune di Mel, il Consiglio di Sorveglianza socio-istituzionale, composto dai sindaci di Mel, Lamon, Feltre, Trichiana e Lentiai, ha incontrato il Commissario straordinario dr. Castro e le organizzazioni e le rappresentanze sindacali dell’azienda. Durante questo incontro era emerso in maniere forte l’impegno dei Sindaci di esercitare ogni debita pressione istituzionale, nei modi e nelle sedi opportune, per sbloccare il credito IVA di almeno 1,8 milioni di euro ancora vantato da ACC e la cui liquidazione avrebbe consentito l’immediato saldo delle spettanza pregresse, mensilità di dicembre e tredicesima, ai lavoratori.

In quella stessa sede, la Società Acc, su forte sollecitazione dei sindacati e anche dei sindaci, si è impegnata comunque a versare entro la fine di aprile almeno la metà degli arretrati.

Il giorno successivo, i Sindaci di Mel Stefano Cesa e di Lamon Vania Malacarne, con una rappresentanza sindacale, sono stati prontamente ricevuti in Municipio a Belluno dal Sottosegretario Gianclaudio Bressa il quale si è fatto interprete fin da subito dei sentimenti di disagio e sofferenza dei lavoratori, con diversi interi nuclei familiari occupati in ACC, con mutui, affitti, tasse da pagare, volontà di non far mancare nulla  ai propri figli soprattutto sul piano dell’istruzione.

In quella sede, il Sottosegretario Bressa ha manifestato piena disponibilità per un suo autorevole intervento nella risoluzione della questione legata a definire con precisione le spettanze che lo Stato deve di ritorno all’Acc per maggiori quote Iva pagate in precedenza quando si ipotizzavano volumi di ricavi molto più alti di quelli che si sono realmente manifestati.

Stefano Cesa, sindaco di Mel

Stefano Cesa, sindaco di Mel

“Oggi, – dichiara il Sindaco di Mel, Stefano Cesa – è finalmente arrivata la bella notizia. Il Direttore della Direzione centrale normativa dell’Agenzia delle Entrate, Annibale Dodero, ha firmato stamattina il decreto che riconosce ad Acc il credito da tempo vantato di 1,8 milioni di euro.

Ringrazio il Sottosegretario Bressa per questo intervento che sarà importante, come da promessa del Commissario Castro di versare tutti gli arretrati oltre alla restituzione del prestito a Veneto Sviluppo, per riedificare nei lavoratori un clima di positiva aspettativa per i successi passi che la vertenza Acc prevederà.

Oggi non possiamo ancora intravedere in pieno la luce in fondo al tunnel, ma rispetto a nove mesi fa che veniva data per spacciata la più importante realtà industriale di Mel, possiamo lanciare lo sguardo verso il futuro con più serenità.

Merito questo di un territorio che ha saputo muoversi unitariamente per questa grande battaglia di difesa dell’occupazione della nostra Provincia.”

“Un altro importante risultato – dichiara il Sindaco di Lamon, Vania Malacarne – in questo percorso complicato. Non sono mai stata tra quelli che dubitavano che l’On. Bressa avrebbe lavorato anche per Belluno. Nove mesi fa abbiamo iniziato a lavorare per Acc solo con la forza dell’ottimismo, oggi vediamo premiato qualche sforzo. Con soddisfazione condividiamo con i lavoratori questa buona notizia, pur consapevoli delle incognite e del lavoro che resta da fare. Con ottimismo e speranza.”

Share
Tags: ,

Comments are closed.