13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 7, 2020
Home Cronaca/Politica Trasporto ferroviario bellunese. Chisso: "Le buone intenzioni e la realtà non sempre...

Trasporto ferroviario bellunese. Chisso: “Le buone intenzioni e la realtà non sempre vanno a braccetto”

Renato Chisso
Renato Chisso

“Ho votato contro l’emendamento che prevedeva una gara a se stante per il servizio ferroviario nel bellunese e voglio spiegare il perché”. L’assessore Renato Chisso è va dritto sul tema, senza giri di parole, sulla questione della cosiddetta “proposta Reolon”: “Capisco, condivido e sostengo le esigenze di autonomia dei bellunesi – afferma – e chi fa seriamente politica deve, pur pensando in grande e in prospettiva, anche tenere i piedi ben saldi in terra, evitando che le buone intenzioni diventino cattive soluzioni”.

“Tutti sanno che sono un sostenitore della liberalizzazione del sistema del trasporto pubblico, non solo regionale, e ricordo che il Veneto è stata l’unica regione ad assegnare con gara europea parte del proprio servizio ferroviario, una decina di anni fa. Vinse Trenitalia, e ottenemmo interessanti vantaggi economici, salvo poi il dover ritornare al contratto di servizio ordinario per avere dallo Stato qualche soldo in più per il trasporto pubblico, proprietario delle ferrovie”.

“Ed è questo il punto: al di là delle sigle, l’intero sistema ferroviario italiano fa capo a Ferrovie dello Stato, che è di proprietà del Ministero delle Finanze e gestisce con società diverse il trasporto passeggeri e merci (non credo di dover fare particolari commenti), le infrastrutture (binari, manutenzione, controllo) e qualche decina di altre spa, qualcuna in compartecipazione come Grandi Stazioni. Quando la proprietà del servizio è di fatto la stessa dei binari, l’effetto immediato, più volte ribadito, alla notizia di voler andare in gara è: in attesa di vedere come va a finire io, Ferrovie dello Stato, non investo più. E magari poi mi tengo i treni che oggi corrono su quei binari. Nel bellunese, che di investimenti ne ha bisogno sempre, vedi il caso della Calalzo – Ponte nelle Alpi, è un rischio che non voglio far correre ai cittadini”.

“Ma c’è un’altra questione oggettiva da sapere – aggiunge Chisso – e riguarda i costi. Lo si voglia o no, le linee bellunesi non sono tecnicamente produttive e per far funzionare i treni: o si hanno risorse pubbliche a iosa, che non ci sono perché non ci vengono trasferite, o si devono aumentare le tariffe. Alla faccia della tariffazione unica è un peso che non voglio far gravare sui bellunesi, mentre oggi riusciamo a diluirlo dentro il contratto di servizio regionale. I sogni di sbocchi a nord, dei quali sono sostenitore, non ho la possibilità di finanziarli, nemmeno con arditi project financing”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Sono 197 i verificati alla 46ma Alpe del Nevegal 2020

La 46ma Alpe del Nevegal è entrata nel vivo con il completamento, “sul campo”, delle verifiche dei 203 piloti iscritti alla gara inaugurale della...

Nevegal, ecco cosa dice amministrazione e maggioranza

L'amministrazione comunale e la maggioranza consiliare di Palazzo Rosso non ci stanno e rigettano le accuse sulla questione Nevegal, mancata apertura della seggiovia e...

Progettazione di edifici pubblici. L’Agenzia del demanio cerca 50 professionisti. Domande entro il 30 settembre

Roma, 7 agosto 2020 – Sono 50 i profili professionali tecnici e amministrativi di grande esperienza che l'Agenzia del Demanio intende reclutare dal mondo della...

Pandemia. Incontro con Andrea Crisanti, sabato alle 18 a Una montagna di libri a Cortina

Da febbraio ad agosto del 2020 è cambiato tutto. A rivederlo a distanza, il percorso drammatico che ha portato alla nostra condizione attuale, si...
Share