Monday, 21 October 2019 - 04:50
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Semplificazioni. Emendamento Conta (Ncd) Bendinelli (Fi) a favore degli albergatori: “No all’obbligo delle estetiste e della Scia per saune e bagni turchi negli hotel veneti”

Mar 20th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

regione-veneto“No all’obbligo di assumere un’estetista e di presentare la segnalazione certificata di inizio attività (Scia) per gli albergatori che installano saune, bagni turchi o a vapore e vasche con idromassaggio e altri servizi simili all’interno degli hotel ad uso esclusivo dei clienti!” E’ in sintesi il contenuto del sub-emendamento alla Finanziaria regionale 2014 approvato a larga maggioranza dal Consiglio regionale del Veneto e presentato dal capogruppo del NCD Giancarlo Conta e dal consigliere di FI Davide Bendinelli per semplificare la vita agli esercenti delle strutture ricettive dal Garda a Bibione e da Cortina a Rosolina passando anche per le città d’arte venete. “Resta comunque l’obbligo in capo al titolare o al gestore della struttura ricettiva, di fornire al cliente le necessarie informazioni sulle modalità di corretta fruizione delle attrezzature sulle controindicazioni al loro utilizzo, sulle precauzioni da adottare, anche attraverso l’esposizione di cartelli nei locali dove sono collocate le attrezzature stesse e assicurando la presenza di personale addetto che eserciti la vigilanza”, spiegano i consiglieri Conta e Bendinelli.

“Il problema riguarda tutto il territorio regionale”, proseguono i due consiglieri, “per l’applicazione di una legge sul commercio; ma ora accordandoci con l’assessore Isi Coppola abbiamo trovato la soluzione per semplificare la vita alla categoria”.

Una normativa simile è stata adottata anche nelle altre regioni confinanti, pertanto gli albergatori fino ad oggi risultavano penalizzati rispetto ai vicini del Trentino e della Lombardia, ma anche del Friuli e dell’Emilia.

“Perché una cosa è gestire una “Spa” aperta al pubblico e collegata ad un albergo, come avviene in certe aree termali e dove serve del personale specializzato e in possesso della qualificazione professionale di estetista”, concludono Conta e Bendinelli, “un’altra invece è mettere a disposizione dei clienti nei piccoli alberghi delle vasche ad idromassaggio e delle piccole saune: in questo ultimo caso non possiamo infierire visti i tempi che corrono con obblighi onerosi”.

 

 

Share

Comments are closed.