Saturday, 20 July 2019 - 02:53

Un’altra tassa occulta nelle bollette dell’acqua. Erika Dal Farra: “L’emendamento Bond fa pagare ai bellunesi i costi per la difesa idrogeologica che spettano alla Regione”

Mar 17th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Erika Dal Farra

Erika Dal Farra

“Il consigliere regionale Dario Bond vuole aumentare ancora le bollette dell’acqua attraverso una tassa occulta e regalare il maggiore introito alla Regione”.

Lo afferma in una nota Erika Dal Farra segreteria provinciale del Pd

“Evidentemente Bond pensa che siano ancora troppo basse, nonostante la “cura” imposta dai sindaci di Forza Italia nei loro 10 anni passati.

La pessima gestione di Bim Gsp è appena costata alle famiglie e alle imprese bellunesi un aumento del 30% delle bollette per l’acqua.

Bond ha presentato un emendamento alla legge finanziaria 2014 con cui impone agli Ato di includere nelle componenti di costo della tariffa per l’acqua, anche i costi per attività di difesa e tutela dell’assetto idrogeologico del territorio funzionali alla salvaguardia delle risorse idriche, con particolare riferimento alla montagna.

Questa è proprio una tassa occulta che rappresenterebbe un imbroglio gigantesco per i bellunesi.

La difesa del suolo infatti è competenza della Regione a cui Venezia deve far fronte con risorse del proprio bilancio. Con l’emendamento Bond, invece, la difesa del suolo ricadrebbe, nel caso di interventi volti alla tutela delle risorse idriche, tutta sui bellunesi, senza nessuna garanzia che quei fondi presi dalle bollette, ritrovino mai la via della montagna.

Chi introita l’aumento delle bollette per fare fronte alle spese di difesa del suolo? I Comuni? L’Ato? La Provincia? Le Comunità montane?

Certo che no, l’aumento delle bollette dell’acqua – conclude la nota della segreteria provinciale del Pd – andrebbe direttamente alla Regione senza nessun impegno a investire nella nostra provincia gli svariati milioni di euro l’anno che, grazie a Bond, sarebbero prelevati dalle tasche dei bellunesi”.

 

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. Solo una precisazione: la difesa del suolo, intesa come la realizzazione di interventi per la difesa e/o ripristino di dissesti idrogeologici (frane, valanghe, caduta massi, colate detritiche..) è di competenza della Provincia, ex art. 85 della Legge Regionale Veneto n. 11 del 2001.
    A tali interventi fa fronte con quota parte dei canoni che i concessionari versano direttamente a tale Ente per l’utilizzo della risorsa idrica (utilizzi quali quello idroelettrico, industriale, potabile ecc.).

  2. Secondo me tra un ‘anno le bollette aumenteranno di un’altro 30%,