Thursday, 5 December 2019 - 19:14
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Una Montagna di Teatro. L’associazione si avvia al 2° anno di tesseramento con un portafogli di oltre 40 convenzioni e un centinaio di soci

Mar 16th, 2014 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè, Società, Associazioni, Istituzioni

Per l’Associazione Culturale “Una Montagna di Teatro” fondata a Belluno l’11 dicembre 2012, si prospetta un altro anno ricco di successi. Dopo aver chiuso il 2013 con 96 Soci e 8 eventi organizzati nel Bellunese e in altre Province del Veneto, il sodalizio si avvia verso il secondo anno di tesseramento con oltre 40 convenzioni dal Feltrino al Comelico. La quota associativa è di 10 € annui ed è possibile associarsi compilando il modulo on-line al sito www.unamontagnaditeatro.it

La Presidente Ilaria Pernigotti si dice entusiasta dei risultati raggiunti e ringrazia tutte le autorità politiche ed imprenditoriali per il sostegno anche tramite erogazioni liberali di fondi economici, ed i propri collaboratori.

 

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Buongiorno, mi duole constatare che l’articolo sia stato tagliato nella sua parte più importante, ovvero la parte in cui si faceva riferimento ai motivi che avevano spinto l’Associazione “Una Montagna di Teatro” ad avviare un progetto come quello del tesseramento Soci e della stipula delle convenzioni. Capisco che bisogni rispettare un determinato limite di spazio, ma neanche snaturare il significato del messaggio, che l’Associazione voleva trasmettere. Cordiali saluti.

  2. buongiorno, generalmente non replichiamo alle osservazioni dei lettori. Questa volta però i toni della mail ci costringono ad una precisazione: un’associazione che si accinge al rinnovo delle tessere con relative convenzioni, per i nostri spazi disponibili non è una notizia. L’abbiamo data comunque, benché quello che la Signora Ilaria definisce “snaturare il significato del messaggio” altro non fosse che un messaggio pubblicitario per raccogliere nuovi iscritti. Nulla di male, intendiamoci, ma lezioni di comunicazione ci sembrano in questo caso inopportune e fuori luogo.
    La Redazione

  3. Buongiorno, scusi ma io non le volevo dare proprio alcuna lezione, volevo solo esprimere una mia opinione, mi dispiace che lei abbia interpretato le mie parole, come critica al suo lavoro, ribadisco, volevo esprimere solo una mia opinione. Cordiali saluti.

  4. Buonasera sono il VicePresidente, penso che nessuno della nostra Associazione si permetta di dare lezione di comunicazione perchè non ne abbiamo le competenze, ma penso che invece sia una notizia, il fatto di attivare un tesseramento soci con il quale un’Associazione si può autofinanziare e creare eventi culturali e questo penso che sia un progetto importante da non trascurare. In cambio chi si Associa alla nostra Associazione può accedere a più di 40 convenzione e quindi avere un notevole risparmio economico. Quindi non vedo nulla di inopportuno e ne nulla fuori luogo, forse diciamo che c’è stata da parte Vostra una male interpretazione.