Saturday, 20 July 2019 - 15:33

Inquinamento elettromagnetico: 100mila euro all’Arpav per intensificare i controlli

Mar 14th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

antenna“La tutela della salute dei cittadini non deve avere colore politico. Per questo abbiamo sostenuto l’emendamento presentato dal collega Pettenò sull’inquinamento elettromagnetico”.

A dirlo, a margine della seduta del Consiglio regionale dedicata alla Legge Finanziaria 2014, sono Dario Bond e Piergiorgio Cortelazzo, rispettivamente capogruppo e vicecapogruppo di Forza Italia per il Veneto, dopo che l’assemblea ha approvato un contributo straordinario di 100 mila euro all’Arpav per l’effettuazione dei controlli relativi all’implementazione del segnale LTE e delle emissioni degli impianti in co-siting.

“La tematica delle antenne di telefonia mobile è molto sentita dalla popolazione: si tratta di un settore in continua espansione che deve essere maggiormente regolamentato. In nome di una entrata extra per le casse pubbliche o di qualche privato non si può ipotecare la salute dei cittadini”, rimarcano i due esponenti di Forza Italia per il Veneto.

dario bond - Copia “Per questo”, afferma Bond, “ho chiesto all’aula, in particolare alla maggioranza, di sostenere l’emendamento di Pettenò che pone una questione seria e importante per la salute dei nostri centri urbani dove non passa giorno senza la posa di una nuova antenna”.

Per dare maggiore forza all’emendamento del consigliere di opposizione Bond ha apposto anche la sua firma quale secondo firmatario.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Vorrei che i Consiglieri Regionali Bellunesi che dichiarano molta sensibilita a questi problemi tanto che hanno promosso uno stanziamento non piccolino ((100.000 Euro – 200.000.000 di vecchie lire)) si informassero e invitassero l’ARPAV di Belluno che all’Epoca era anche stat invitata ad interessarsi sui problemi provocati dall’elettrosmog prodotto dai tralicci sulle abitazioni di Ponte nelle alpi e denunciati alla Procura sempre di Belluno dove sembra siano stati rilevati in alcune case valori dieci volte superiori al consentito MA NESSUNO HA FATTO NIENTE. Aspetterei come cittadino civile una risposta…Grazie Riccardo Marcolin