Sunday, 17 November 2019 - 17:59
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Oggi a Bologna l’assemblea dell’area Civati. Il resoconto dei partecipanti bellunesi

Feb 23rd, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

pd 23.02.2014 – Si è tenuta oggi a l’assemblea che ha riunito i sostenitori e i simpatizzanti di Pippo  alle Primarie dello scorso dicembre.

Per tutti gli iscritti al PD questi sono stati giorni duri. La nascita del governo Renzi avviene all’insegna di enormi contraddizioni tra parole e fatti. Tra le promesse del nostro segretario e le sue azioni. Si era detto mai al governo senza passare dalle urne, siamo al governo senza passare dalle urne. Si era parlato di una netta discontinuità con il governo precedente, e abbiamo il governo Letta bis, semplicemente senza Letta. Abbiamo allargato la maggioranza, ma a destra.

Oggi tutte le persone vicine al pensiero di Pippo Civati si sono confrontate e sono state chiamate a una scelta: votare o meno la fiducia al nuovo Governo. Gli interventi sono stati numerosi e, salvo poche eccezioni, concordi. La fiducia a questo governo verrà votata, ma con l’impegno a vigilare costantemente, affinché la sua azione non sia eccessivamente caratterizzata da uno spostamento a destra, ma sia focalizzata sulla riduzione delle disuguaglianze.

Il nostro sostegno è condizionato, convinti come siamo che la possibilità di scegliere debba essere al più presto nelle mani dei cittadini.

Per quanto ci riguarda, ci troviamo soddisfatti della posizione assunta al termine della discussione. Crediamo, infatti, che un voto contrario al nuovo Governo avrebbe comportato uno strappo irrimediabile all’interno del Partito. Non abbiamo intenzione di abbandonare il campo. Rimaniamo nel PD per cambiarlo, per portare avanti il progetto che alle primarie ha visto il consenso di oltre 400 000 elettori e che sta acquisendo sempre più spazio e forza.

E a chi ci chiede di uscire per realizzare il nostro progetto all’esterno rispondiamo: entrate voi nel PD e dateci una mano a realizzare quello in cui anche noi crediamo. E cioè un Partito di governo, che si possa reggere su una solida maggioranza di centro sinistra e che permetta ad un elettore che si riconosca nei valori della sinistra europea di poterlo votare senza indecisioni.

Francesco Orzés – Referente provinciale della mozione Civati e membro dell’Assemblea Nazionale PD.

– Presidente dell’Assemblea Provinciale del PD di Belluno e membro dell’Assemblea Regionale PD.

Share
Tags: , , ,

4 comments
Leave a comment »

  1. Se ti riferisci alla Lanzetta Civati non ne sapeva nulla e ci è pure rimasto male. Credo si possa dir tutto tranne che si sia venduto.
    Il governo non piace nemmeno a noi, come si capisce dall’articolo.
    Buona serata

  2. La possibilità di scissione dell’atomo è niente se rapportata a quella del PD, con o senza smentite.

  3. Capisco il tormento di Civati &C. e,sinceramente, mi dispiace per loro; ma ,dopo anni di tentativi di cambiamento “dall’interno” sempre falliti, dovrebbero aver capito che questo PD con questi “capi bastone” non cambierà mai nella direzione da loro sperata.Allora dovrebbero decidersi una volta per tutte se sono più importanti gli “ideali” o la “appartenenza” ad un partito che da sempre li tiene ai margini e li usa solo per i “voti”. Pertanto spero,per tutti, in un loro colpo d’ala dell’ultimo minuto che impedisca la nascita di questo “governicchio renzuschiano” rimettendo la scelta ai cittadini . Il destino futuro del Paese non può più essere deciso da questa fallimentare e deleggittimata classe di politicanti!

  4. Fatta per gente che ha tanto da fare, è piu’ interessante la Corazzata Potemkin