Sunday, 17 November 2019 - 20:05
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sabato 15 febbraio la presentazione a Cesiomaggiore del libro “Dai banchi della scuola elementare di un tempo che fu: Cesiomaggiore, il Comune e la Patria”

Feb 9th, 2014 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

“Il giorno della Festa di Santa Giuliana la gente arrivava a Cesio molto numerosa per assistere alle sante messe; il sagrato era gremito di gente che la chiesa non poteva contenere”. Sono le parole di un tema di un alunno della scuola elementare Principe di Piemonte nel 1950.

E poi continua: “A cominciare dal mattino presto, arrivavano delle comitive di giovani e non più giovani dai paesi vicini e lontani. E, dopo aver assistito alla messa grande, rimanevano tutto il giorno a divertirsi. Essendo la stagione fredda, la gente per riscaldarsi andava all’osteria: chi beveva qualcosa di caldo, chi mangiava la trippa.”

Il componimento è riportato in versione integrale nel volume “, ” che sarà presentato al pubblico proprio la vigilia della Festa di Santa Giuliana, il 15 febbraio. Il libro, curato da Franco Ladini, raccoglie decine di foto, temi, pagelle, documenti riguardanti le scuole elementari del Comune, dagli inizi del ‘900 fino agli anni Cinquanta. Stupende immagini in bianco e nero che ritraggono scolaresche numerose, impegnate negli esercizi ginnici all’aperto o in bella posa intorno alla maestra; i quaderni con la preghiera del Balilla; i testi dei dettati che magnificano le gesta del Duce; accanto a dati storici curiosi (alla fine del 700 il Comune conta 2363 abitanti e 1800 bovini) e documenti commoventi, come la lettera di una maestra che scrive ai genitori “qui è tutto miseria e fame”: siamo nel gennaio del 1917, durante la prima guerra mondiale. Il materiale, raccolto con passione dall’autore, offre lo spunto per una riflessione sui notevoli cambiamenti che in questi anni hanno interessato il mondo della scuola e l’intera società.

Sabato 15 febbraio alle 20.30, presso la sala parrocchiale di Cesiomaggiore, il dott. Ladini presenterà dunque la sua ricerca. La serata è inserita nel calendario di iniziative organizzate dalla Parrocchia e dalle Associazioni, con il contributo del Comune, per festeggiare la santa patrona, Giuliana di Nicomedia. Prima della presentazione del libro, se le condizioni meteo lo permetteranno, sarà possibile assistere alla suggestiva fiaccolata organizzata dal Gruppo Escursionisti con partenza dal Monte Palmar. Il giorno successivo, domenica 16 febbraio, è previsto un mercatino di generi vari nel centro del paese con oltre trenta espositori; inoltre una ex tempore di scultura su legno, una mostra fotografica con scatti realizzati da giovani fotografi feltrini, una esposizione di modellismo ferroviario e una di moto d’epoca. Alle 10.00 ci sarà la Santa Messa presieduta dal Vescovo Mons. Giuseppe Andrich, il quale amministrerà anche la Cresima ai ragazzi della parrocchia.

Alle 14.30, presso la scuola materna Muffoni, c’è un appuntamento dedicato ai più piccoli: un laboratorio creativo con le operatrici dall’Associazione il Margine.

Alle ore 16.00 è prevista la consegna del Premio Santa Giuliana per il Volontariato. Quest’anno l’apposita Commissione ha deciso di conferire il riconoscimento ad Achille Del Monego, fondatore e direttore del coro di voci bianche che da oltre dieci anni anima la funzione domenicale in parrocchia. In tutti questi anni ha saputo raccogliere intorno a sé bambini e ragazzi e, con semplicità e amore, li ha avvicinati al mondo della musica. Il coro è anche un’opportunità per stare insieme, per crescere e divertirsi facendo qualcosa di bello per la propria comunità. Nonostante le numerose difficoltà, il maestro Achille si è sempre dedicato con passione ai suoi ragazzi, aiutato anche da due dei suoi quattro figli, Damiano e Samuele, che si occupano dell’accompagnamento musicale.

La Commissione ha deciso anche di assegnare un attestato di benemerenza a Demis Broccon, che nel novembre scorso si è distinto per aver prontamente portato soccorso ad una persona colta da grave malore in un luogo pubblico. Praticando le fondamentali manovre di rianimazione, le ha salvato la vita in attesa dell’intervento dei sanitari. Il suo gesto è dunque uno stimolo a frequentare i corsi di primo soccorso, che in alcuni ambiti lavorativi sono obbligatori, ma in realtà sono utili per tutti.

Alle 17.00, sempre nella in chiesa parrocchiale, sarà possibile assistere al concerto del Coro Monti del Sole.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share
Tags: ,

Comments are closed.