Wednesday, 13 December 2017 - 11:25

Happy birthday. 1964 – 2014, dal boom economico alla globalizzazione: Il 50mo della Renault Dal Pont di Salce

Feb 9th, 2014 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina

Luciano Dal Pont - Copia “Per me il lavoro è sempre stato un divertimento, un piacere, una passione”. A dirlo è , 87enne imprenditore bellunese di prima generazione. La sua storia inizia nell’immediato dopoguerra, nel seminterrato della casa di famiglia a Salce. Il primo successo commerciale lo mette a segno a soli 17 anni, con la produzione e la commercializzazione di copertoni per biciclette.

Siamo nel 1943, un aereo americano lascia cadere nella zona di Salce () un serbatoio ausiliario. Luciano lo recupera e utilizza la benzina che mescola alla gomma per produrre mastice. Nella cantina di casa vulcanizza vecchie camere d’aria di autocarro e con una pressa artigianale realizza le coperture per biciclette, che vende nel Bellunese, nel Trevigiano e fino a Chioggia. Nell’immediato dopoguerra il seminterrato ampliato diventa l’officina dove lavora il ferro, costruisce e ripara biciclette e cucine economiche.

Il salto nel mondo dei motori avviene nel 1946. Luciano ha 20 anni, vede e acquista un motore “Cucciolo 48” della Ducati, che monta su un telaio che egli stesso costruisce artigianalmente trasformando le molle delle mitragliatrici in ammortizzatori. Il prototipo trionfa alla Mostra Provinciale dell’Artigianato. Così, nel 1947, inizia la produzione in serie e nello stesso anno la Ducati gli conferisce la Concessionaria per la provincia di Belluno. E’ il suo secondo importante traguardo imprenditoriale. Sono gli anni della prima grande fase di motorizzazione su due ruote di cui Luciano Dal Pont diventa uno dei principali interpreti in provincia. Un dato per tutti: nei tre giorni del Giro d’Italia del 1955 vende 45 motociclette. Per 3 anni consecutivi, in occasione della Fiera di Milano alla riunione dei Concessionari Ducati italiani e stranieri, viene nominato primo Concessionario Ducati d’Italia. Anche i tre raduni regionali del 1961, 1962 e 1963 sono un successo, con un migliaio di presenze. Le vendite schizzano a quota 300 l’anno.

E’ il boom economico dell’Italia, nelle case arriva la tv, nel 1964 si inaugura l’Autostrada del Sole Milano-Napoli. Qualcosa sta cambiando. Ora il sogno degli italiani è l’automobile. Luciano intuisce che è il momento di passare dalle 2 alle 4 ruote. L’occasione arriva una mattina di primavera del 1964, quando due manager della di Bologna visitano l’officina in via del Boscon a Salce. Nell’estate dello stesso anno Luciano Dal Pont diventa Concessionario Renault esclusivista per la Provincia di Belluno. A perfezionare il contratto è monsieur Roger De Bouedec, importatore ufficiale della Renault per l’Italia e console onorario francese. Inizia così la vendita delle prime Dauphine, R4 e R8.

dal pont luciano concorso eleganza cortina 1968 miramonti Nell’estate del 1968 Dal Pont partecipa al concorso di eleganza al Miramonti Majestic Grand Hotel di Cortina d’Ampezzo con l’utilitaria Renault 4 e l’ammiraglia Renault 16. Raggiunto il prestigioso hotel, Dal Pont si accorge che gli altri concessionari hanno al seguito anche delle modelle. Risolve il problema reclutando sul posto la sua testimonial per la sfilata. In Corso Italia vede una signora vestita all’ampezzana con i suoi tre bambini, e le chiede di partecipare al concorso. La donna accetta e si porta anche l’amica, una campionessa di pattinaggio in vacanza a Cortina. Quando scende dalla Renault 16 l’atleta è riconosciuta dal pubblico ed è un successo. Le vendite vanno bene. Dal Pont è tra gli invitati al primo meeting dei concessionari Renault in un lussuoso hotel di Stresa. Al meeting internazionale di Parigi del 1974, al quale partecipano circa 400 concessionari, Dal Pont è premiato quale Primo concessionario Renault del Dipartimento di Bologna, Italia Nord-orientale con 342 auto vendute. Nel 1983 la concessionaria Renault di Salce viene ampliata secondo i canoni moderni. La superficie sale a 4mila metri quadrati con 20 dipendenti, e viene dotata di carrozzeria, elettrauto e gommista. Analogo restyling anche per le succursali di Feltre e Lozzo di Cadore. Al marchio Renault, nel 2006 viene affiancato quello della Dacia. Che consente all’azienda di affrontare la crisi economica e la globalizzazione dei mercati con un prodotto di massa.

Share
Tags: , , ,

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.