Sunday, 17 November 2019 - 20:12
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Dobbiaco Cortina, in classico Bruno Debertolis si riprende il trono. Sotto una fitta nevicata il trentino del Team Rossignol non ha rivali. Tra le donne vince La ceka Adela Boudikova. Combinata a Riccardo Mich e Chiara Caminada. Edizione record: 1700 al via nelle due giornate, in rappresentanza di 25 nazioni

Feb 9th, 2014 | By | Category: Prima Pagina, Sport, tempo libero

dobbiaco cortina 2014 bruno debertolisCortina d’Ampezzo (Belluno) – Dobbiaco (Bolzano), 9 febbraio 2014 – Aveva vinto nel 2012, si era dovuto accontentare del secondo posto nel 2013. Quest’anno si è ripreso il trono. E’ Bruno il protagonista assoluto della Dobbiaco-Cortina classic: il trentino del team Rossignol era il favorito della vigilia e ha mantenuto fede al pronostico, tagliando tutto solo il traguardo della Nordic Arena.

E’ stata una giornata suggestiva e difficile oggi a Dobbiaco per la 37. edizione della granfondo sugli sci che unisce Ampezzo e Pusteria e che quest’anno si è svolta su percorso ridotto (30 km) e senza arrivo nella “regina delle Dolomiti” per esigenze di sicurezza legate alle nevicate eccezionali dei giorni scorsi. I quasi mille concorrenti si sono svegliati sotto una fitta nevicata (la neve fresca era di una quindicina di centimetri) e hanno dovuto fare gli straordinari fin dalla preparazione degli sci. Straordinari anche per il comitato organizzatore che è stato costretto ad accorciare ulteriormente il tracciato: non più 30 bensì 25 chilometri, con la parte alta del tracciato, quella verso il lago di Landro, “tagliata” per esigenze di sicurezza. Pronti via e il team Rossignol che imponeva subito il proprio ritmo. Al primo passaggio alla Nordic Arena era Bruno Debertolis a prendere in mano la situazione e, nei tratti successivi in salita, a fare il vuoto. Dietro, con il compagno di squadra Riccaro Mich a rompere i cambi, ci si limitava a lottare per il secondo posto. Debertolis tutto solo al traguardo, con inchino, mentre una trentina di secondi dopo era Mich a conquistare la piazza d’onore e, con essa, anche il successo nella combinata. Sul terzo gradino del podio il ceko Jiri Rocarek.

Tra le donne podio interamente straniero: vittoria per la ceka Adela Boudikova, secondo posto per la norvegese Astrid Ruud, arrivata con 1’38” di ritardo, e terza posizione per l’austriaca Andrea Reithmayr (4’07” il distacco).

Per quanto riguarda la combinata, che teneva conto della somma dei tempi della gara in skating e di quella in classico, a livello maschile si è imposto il trentino Riccardo Mich su Reinhard Kargruber ed Eugenio Bianchi, mentre tra le donne ha vinto la lombarda Chiara Caminada sulla finlandese Malin Kaellman e sull’ampezzana Barbara Giacomuzzi.

«Lo scorso anno, in volata con Florian Kostner, la Dobbiaco Cortina mi era sfugita ma quest’anno me la sono ripresa – commenta il vincitore Bruno Debertolis -. Noi del Team Rossignol eravamo partiti per fare gara dura ma quando ho visto che l’austriaco Baldauf e il ceko Rocarek non mollavano ho deciso di rompere gli indugi. Aspettare il finale sarebbe stato troppo pericoloso, così ho deciso di fare selezione fin dalle prime salite. Dietro, Mich ha fatto il suo, rompendo qualche cambio e consentendomi di arrivare con tranquillità. Complimenti agli organizzatori per come hanno saputo preparare il tracciato, pur in condizioni difficili. Ora mi attende la Val Casies – dice ancora Debertolis – e poi la campagna del Nord con Vasaloppet e Birkebeinerrennet ».

«Abbiamo proposto una edizione ridotta nel chilometraggio ma comunque splendida – commenta Marco Ghedina, presidente del comitato organizzatore della Dobbiaco Cortina -. Un grazie immenso alle forze dell’ordine e agli oltre cento volontari che hanno lavorato in emergenza a causa delle difficili condizioni meteo e un grazie altrettanto immenso ai 1700 concorrenti che hanno gareggiato nelle due giornate. E’ stato un successo pieno perché abbiamo aumentato di quasi 400 concorrenti la partecipazione. Mi piace sottolineare, poi, la grande partecipazione straniera: 25 le nazioni al via, segno che le Dolomiti continuano ad essere un richiamo straordinario. Arrivederci al 2015».

Per tutti i dettagli e gli aggiornamenti: www.dobbiacocortina.org.

Le classifiche sono consultabili e scaricabili all’indirizzo www.datasport.com.

 

 

Share
Tags: ,

Comments are closed.