Saturday, 7 December 2019 - 21:14
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Parco fluviale di Lambioi e accesso al Piave: il Comune di Belluno stranzia una somma per lo sviluppo dell’area

Feb 8th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Luca Salti

Luca Salti

Un accesso pedonale funzionale che permetta di entrare nell’area del Parco fluviale di Lambioi in tutta sicurezza, dal parcheggio, dalla piscina, da via Montegrappa e da Borgo Piave. L’argomento è stato discusso venerdì mattina, nella Sezione urbanistica del Comune di Belluno, dall’assessore ai Lavori pubblici Luca Salti e dai rappresentanti del Comitato Scalette e delle associazioni che lo sostengono.

L’assessore ha assicurato che è già stata stanziata una somma per lo sviluppo dell’area che sarà attrezzata con cestini per i rifiuti, tavoli, panchine e qualche gioco per i bambini. In seguito si provvederà a favorire la nascita di qualche attività di richiamo. Tempi più lunghi si prospettano invece per un accesso pedonale sicuro, in quanto necessitano autorizzazioni di altri enti. Su questo punto l’assessore riferirà il prossimo 17 febbraio, dopo l’incontro con gli uffici competenti.

«Al progetto di valorizzare di questa zona – ha detto Salti- ci crediamo molto e da diversi punti di vista, perché è un valore aggiunto che dà alla nostra città valenza turistica, ambientale e sociale. Per esempio, può essere una buona alternativa per molte famiglie che, al giorno d’oggi, fanno fatica a sostenere le spese di viaggio e soggiorno per andare al mare».

Il Parco Fluviale di Lambioi è nato lo scorso anno grazie all’interessamento del Comune e all’opera della Comunità Montana e dei Servizi Forestali. All’iniziativa hanno collaborato anche i cittadini volontari che, assieme all’Associazione “Parchi in movimento”, hanno ripulito l’area. Le associazioni si sono rese disponibili ad eseguire nuovamente la pulizia dell’area per la prossima stagione estiva. E il  rappresentante del Club Subacqueo, membro attivo della Protezione Civile, ha lanciato l’idea di associare la giornata dedicata all’esercitazione annuale di quest’ultima ad un intervento concreto di sistemazione dell’area dell’alveo del fiume tra il ponte Bailey e la fine dei muraglioni, oppure tra il Ponte della Vittoria e il Ponte Bailey. Questo potrebbe essere possibile se la parte burocratica (permessi, richieste, autorizzazioni) verrà gestita dagli Uffici Comunali.

Alberto De Nart

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Una idea eccellente da portare sicuramente avanti .