13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 26, 2020
Home Cronaca/Politica Incontro con Terna e Enel per il blackout nel Bellunese. Bond: "Incontro...

Incontro con Terna e Enel per il blackout nel Bellunese. Bond: “Incontro negativo. Poca sensobilità e responsabilità nei confronti del territorio”

Dario Bond, consigliere regionale Pdl
Dario Bond, consigliere regionale Pdl

Per quanto mi riguarda è stato un incontro utile ma assolutamente negativo. Da parte di Terna ed Enel non c’è stata quella sensibilità che la popolazione dell’Alto Bellunese avrebbe meritato e che certamente attendeva. Ora ci deve essere un moto di orgoglio da parte di amministratori e politici locali perché la questione, passato il clamore dell’emergenza, non passi in cavalleria”.

A dirlo è il consigliere regionale Dario Bond, a margine della seduta di Terza Commissione consiliare convocata appositamente per analizzare il problema dei blackout nel Bellunese. Oltre a Terna ed Enel hanno partecipato le rappresentanze locali delle Comunità e Unioni montane interessate dal fenomeno.

“In questo preciso momento occorre sminare l’arrabbiatura legittima e sacrosanta delle persone che si sono trovate ad affrontare una situazione ai limiti del paradossale. Ho visto il contenuto di interi congelatori in strada sotto i cumuli di neve, elettrodomestici irrimediabilmente danneggiati dopo essere stati collegati ai generatori con voltaggi superiori a quelli della rete ordinaria, per non parlare dei disagi alle aziende, agli operatori commerciali e a quelli del turismo. E tutto questo, mentre Cortina sta giocando tutte le sue carte per i mondiali di sci 2019”.

“Nonostante un quadro desolante, da parte di Enel e Terna non c’è stata la minima autocritica, eppure negli ultimi anni c’è stato un evidente peggioramento nel settore delle manutenzioni, sempre più frequentemente in mano a ditte non locali, senza dimenticare che negli anni sono diminuiti i tecnici a disposizione”, sottolinea il consigliere regionale.

“Chiarito il nodo dei risarcimenti, occorre affrontare quello delle fasce di rispetto lungo i tracciati dell’elettricità”, prosegue Bond. “I sindaci devono essere messi nella condizione di poter operare: il quadro normativo va chiarito una volta per tutte anche con specifici provvedimenti legislativi, sia a livello regionale che governativo”.

“C’è poi la questione più importante: quanto si vuole investire in questi territori? Il nodo infrastrutturale è basilare, anche per questo Istituzioni e politica non possono mollare la presa”, conclude Bond.

Share
- Advertisment -

Popolari

Giustizia di prossimità, un ufficio Uepe a Belluno. Addamiano: ”Costituiti i primi nuclei di Polizia penitenziaria da destinare direttamente agli Uffici di esecuzione penale...

“E’ ufficiale, sono stati costituiti i primi nuclei di Polizia penitenziaria da destinare direttamente agli Uffici di esecuzione penale esterna (Uepe). Vi sono inoltre...

Mondiali sci Cortina. De Menech: “Comprensibile il rinvio al 2022”

Belluno, 25 maggio 2020  «Era tutto pronto, dal punto di vista organizzativo e sportivo, ma la decisione del Coni e della Fisi di spostare di...

Appena uscito dal carcere ruba un’auto e due bici. Arrestato dalla Volante e incarcerato in un’ora

E' durata poco la libertà a B.A.S. tunisino 50enne con precedenti penali, che appena scarcerato dalla Casa circondariale di Baldenich ha ripreso immediatamente il...

Perarolo di Cadore. Conclusa l’istruttoria del Pat, domani l’approvazione in Provincia

Sarà portato in consiglio provinciale domani (martedì 26 maggio) il Pat del Comune di Perarolo. Un Piano di Assetto del Territorio che punta soprattutto...
Share