Sunday, 17 November 2019 - 20:08
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Delegazione del Pd bellunese incontra la segreteria nazionale Renzi e il ministro Delrio

Feb 5th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

pdUna delegazione del PD bellunese si è incontrata ieri con la Segreteria nazionale di Matteo Renzi e con il Ministro Graziano Delrio.

Come da impegno assunto sono state consegnate le 2806 firme, sottoscritte dai votanti delle primarie dell’8 dicembre a sostegno dell’appello al Segretario Nazionale affinchè le province interamente montane come Belluno siano mantenute in costituzione quali enti di primo livello.

Il primo incontro si è tenuto nell’arco della mattinata con il Ministro per gli affari regionali e le autonomie Graziano Delrio.

Al ministro è stata avanzata la richiesta di un provvedimento immediato da parte del governo in favore dei comuni della provincia in grave difficoltà, causa maltempo, i quali potranno ripianare i costi di sgombero neve e disagi arrecati e far fronte ad eventuali provvedimenti d’urgenza. Abbiamo inoltre sottoposto al ministro l’esigenza che siano sbloccati al più presto i cosiddetti fondi Brancher.

Nel pomeriggio, la delegazione, ha incontrato Luca Lotti, braccio destro di Matteo Renzi nonché responsabile organizzativo della segreteria nazionale del Partito Democratico. È stato chiesto che la segreteria nazionale assicuri l’assunzione, da parte del partito delle ragioni e delle province interamente alpine, di ulteriori migliorie in senato alla legge Delrio, in favore di Belluno in modo da rafforzarne l’autonomia ed in particolar modo per quanto riguarda le risorse e le competenze di cui il bellunese necessita per sopravvivere alla concorrenza dei territori contermini. E’ stato infine sottolineato la necessità che il nuovo ente provinciale bellunese possa dotarsi di uno statuto autonomo, atto a difendere le specificità territoriali.

Luca Lotti ha assicurato, a nome del segretario Renzi, la piena comprensione delle motivazioni sostenute dal PD bellunese e il pieno sostegno alla rivendicazione di riconoscimento della specificità del nostro territorio.

L’auspicio è che tale impegno, a differenza di quanto avvenuto fino ad ora, sia analogamente assunto e fatto proprio anche dalle altre forze politiche a cominciare dalla discussione in atto al senato sul testo di legge Delrio.

Share

15 comments
Leave a comment »

  1. Ma se Renzie vuole cancellare tutte le Province. Tranne Trento e Bolzano, ovviamente.

  2. Cancellino pure la provincia in cibo di robuste risorse.

  3. …in cambio di robuste risorse..

  4. Sudditi genuflessi

  5. @tasietira: tu cosa voti?

  6. La segreteria del Pd bellunese ha già dimostrato la sua capacità di sostegno alle rivendicazioni delle nostre Comunità quando ha invitato Delrio a Belluno.
    In quell’occasione si è piegata alle tesi del ministro, perfettamente sostenuto in ciò da De Meneche e da Bressa, figlio ingarto di terra bellunese.
    Quanto richiesto oggi alla segreteria di Renzi, ferocemente contro tutte le Province, equivale solo a prendere per i fondelli i bellunesi.
    I quali naturalmente, visti i precedenti, volentieri caleranno le braghe.
    Mi auguro solo che quanti hanno vinto il referendum riescano ad abbandonare la barca che sta affondando.

  7. Invece chi paga cos’ha fatto per la Provincia di Belluno oltre a lamentarsi? Molto bene invece il provvedimento per i comuni. Bravi.

  8. Cosa sta facendo la Lega Nord per l’autonomia?

  9. Se sparisse l’ente intermedio, Provincia, Comunità Alpina o quello che si vuole, chi gestirebbe le eventuali nuove deleghe e relative risorse che da anni chiediamo? I Sindaci dei comuni di 500 abitanti con l’Ufficio Tecnico aperto un giorno la settimana? o qualche oscuro funzionario regionale da un ufficio con vista sul Canal Grande? Se è necessario alzare un po’ la voce per farci sentire alziamola…

  10. Traditi un’altra volta da Bellunesi.

  11. @Grabri. Ricorda che un giorno te lo dirò.

  12. allora siamo a posto!

  13. Ma sono stati portati anche doni ai regnanti di turno o si è trattato solo una visita di cortesia per ribadire la totale sudditanza del PD bellunese al folle centralismo di turno ?

    L’unica miglioria che si possa fare ai folli provvedimenti in corso in materia di riduzione costi è stracciarli in mille pezzi e cominciare a ragionare di responsabilità e democrazia vera a tutti i livelli.

    Nessuna tassa senza rappresentanza !

  14. Bellunesi: ne destra ne sinistra. Alle prossime elezioni votate per Voi e non per le segreterie provinciali, regionali, nazionali. Sopratutto votate per i Vostri interessi e per il Vostro territorio. Fateli piangere.

  15. Più di tutto, se c’è da fare qualcosa di serio per la Provincia di Belluno, va fatta con urgenza, prima che buona parte dei Comuni, con relativo territorio, se ne vada con Udine, Bolzano e Trento. Sappada docet!