Sunday, 17 November 2019 - 17:33
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Oppressi e oppressori. La Boldrini come don Abbondio, ma i veri oppressi sono 5 Stelle e gli italiani

Feb 3rd, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

euroPer effetto dell’approvazione del decreto legge Imu-Bankitalia sul quale la scorsa settimana è calata la tagliola della presidente Boldrini, che ha impedito la discussione alla Camera (avvalendosi però del regolamento del Senato), “Le banche italiane San Paolo e UniCredit potrebbero intascarsi insieme sino 3,5 miliardi di euro (4,7 miliardi di dollari) dalla vendita di parte delle loro rivalutate azioni nella banca centrale, secondo i calcoli degli analisti”. Lo scrive Reuters, agenzia di stampa britannica.

Insomma, un formidabile regalo di soldi pubblici alle banche private.

E l’aver impacchettato la questione Bankitalia a quella dell’Imu, che non c’entra proprio nulla, è stato un evidente escamotage per raccogliere il consenso del popolo, favorevole all’abolizione della II rata Imu, e far passare sotto silenzio il regalo alle banche.

Violazioni alle regole e trucchetti che hanno provocato la dura reazione del Movimento 5 Stelle.

Tuttavia, in relazione alla rissa scoppiata in Parlamento, non certamente degna di un Paese civile, i giornali e le trasmissioni televisive hanno privilegiato l’aspetto formale su quello sostanziale.

La stessa presidente Boldrini ha dichiarato «Io condanno la violenza a 360 gradi». E ancora, quello del Movimento 5 Stelle «è un attacco eversivo contro le istituzioni che deve essere respinto da tutte le forze democratiche». Una situazione che ricorda molto il II capitolo dei Promessi sposi del Manzoni. Nell’incontro tra Renzo e don Abbondio, infatti, ad un osservatore esterno l’oppressore sembra essere Renzo, non già il curato di campagna, che invece si allinea con i poteri forti dell’epoca impedendo il matrimonio dei giovani.

Lo stesso è avvenuto in Parlamento, dove i veri oppressi ( 5Stelle) altro non hanno potuto fare che reagire contro l’oppressione e la sistematica violazione delle regole della maggioranza.

(rdn)

Share

8 comments
Leave a comment »

  1. Parole sante! Che sia rivoluzione a tutti i livelli!

  2. ma no ste a menarla
    il M5S voleva solo fare ostruzionismo
    tse, 150 iscritti (tutti M5S+altri) per parlare di una cosa della quale avevano già abbondantemente parlato
    d’accordo che si chiama parlamento
    ma c’è un limite a tutto
    è stato approvato dalla maggioranza?
    si chiama democrazia
    fatevene una ragione

  3. Mi piace molto il paragone dei promessi sposi.
    La così detta rissa, mi è sembrata non più violenta di tante altre viste nel parlamento italiano o anche europeo.
    Sicuramente giustificabile se è servita a far guardare agli italiani la luna e non il dito!

  4. Cari m5s non sempre il fine giustifica i mezzi anche se nobile. Se voi che vi ritenete la nuova classe politica sappiate che erano meglio quelli della prima repubblica. Tanto non è che siete più produttivi di loro almeno loro erano più posati ( tranne alcuni elementi). Grazie a voi l’Italia sta facendo una pessima figura a livello mondiale. Ancora grazie nella speranza che comportandovi così alle prossime elezioni sempre meno vi voti e poi non dite che è colpa della Tg, giornali, ecc. l’assalto in parlamento lo avete fatto voi tutti da chi era seduto nella poltrona a chi tirava le fila facendo per l’ennesima volta il comico.

  5. M5S “oppressi”?! M5S violenti ed incapaci di fare i parlamentari!

  6. M5S: 4 senatori si dissociano da attacchi, stop violenza

    http://www.adnkronos.com/IGN/News/Politica/M5S-4-senatori-si-dissociano-da-attacchi-stop-violenza_321184403726.html

  7. Ordine del Giorno
    i sottoscritti segretari dei quattro Circoli del P.D. della Città di Belluno – Medaglia d’ Oro della Resistenza,
    osservano

    con forte preoccupazione l’ azione dell’ “M5S” che, con linguaggio scatologico ed azioni tipiche della squadrismo fascista, offende la dignità della figura femminile e le Istituzioni Democratiche del nostro Paese conquistate a duro prezzo con la Lotta di Liberazione
    prendono atto

    che nessun aderente a tale movimento si dissocia, sia in sede nazionale sia sopratutto in sede locale, da tali azioni antidemocratiche che sono del tutto estranee al nostro tessuto sociale e politico

    chiedono all’ “M5S”

    a quando le “leggi razziali” ? a quando la “notte dei cristalli ? a quando i “roghi nelle piazze” della cultura ?

    ricordano

    che la comunità europea e mondiale nel cosiddetto “secolo breve” hanno fatto “passare” prima un giornalista e poi un imbianchino con le conseguenti immani tragedie,

    chiedono

    l’immediata revisione di stile nel confronto con le donne e gli uomini delle altre forze politiche a tutti i livelli di confronto, da quello parlamentare, a quello locale, dalle assemblee pubbliche alla piazza virtuale dei vari blog o social network, dove stiamo assistendo all’imbarbarimento delle relazioni e del linguaggio.

    Bortot Ezio – Circolo P.D. di Mussoi
    Jacopo De Biasi – Circolo P.D. di Castion
    Andrea Lucietti – Circolo del Centro Storico
    Mario Svaluto Moreolo – Circolo dell’ Oltrardo

    Belluno, sabato 1 febbraio 2014

  8. Com’è che Tessarolo non bombarda la discussione con lik a siti grillini e paragrillini? Sarà influenzato oppure non è più lo spin doctor (lol) dei grillini locali?