Wednesday, 13 December 2017 - 11:22

Panificatori bellunesi resistono alla crisi. Il comparto dolomitico registra la migliore performance in Veneto. Bond: “Approvata una legge a favore della produzione artigianale”

Dic 19th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Dario Bond, consigliere regionale Pdl

Dario , consigliere regionale Pdl

Nonostante la crisi che non ha risparmiato nemmeno il settore alimentare, i panificatori artigianali della provincia di Belluno resistono più dei colleghi delle altre Province. Il Bellunese, infatti, è l’unica realtà che non ha avuto variazioni nel numero delle imprese artigiane registrate: erano 87 nel 2009, sono 87 nel III trimestre del 2013.

E’ uno dei dati emersi questa mattina a Palazzo Ferro-Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, dove alcuni panificatori aderenti alla Confartigianato hanno incontrato i consiglieri regionali all’indomani dell’approvazione della nuova legge in materia di produzione e vendita di pane. Tra loro c’era anche il presidente della sezione bellunese Antonio Collavo.

“Le nuove disposizioni, attraverso un registro e un marchio di qualità, distinguono tra pane industriale e pane artigianale al fine di tutelare il pane fresco prodotto e commercializzato in giornata”, spiega il consigliere regionale Dario Bond.

“Nel Bellunese la produzione artigianale è ancora radicatissima così come il consumo di pane fresco. L’obiettivo di questa nuova legge è tutelare il mestiere del fornaio. Si premia così la qualità del pane impastato, lievitato e sfornato in giornata, un patrimonio inestimabile in molti nostri paesi”.

Soddisfatto della nuova legge il presidente Collavo: “E’ una misura di salvaguardia delle nostre produzioni. Nel Bellunese il ricorso al pane industriale è ancora molto limitato”, afferma.

Quanto ai consumi, Collavo conferma i dati della Confartigianato anche se non nasconde le difficoltà del momento: “C’è un calo nei consumi, ma la vera sfida sta nel coniugare qualità e prezzo dando alle famiglie la possibilità di acquistare un buon prodotto”.

 

 

Share
Tags: ,

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.