Monday, 19 August 2019 - 09:47
direttore responsabile Roberto De Nart

Scene apocalittiche nelle stazioni venete. Reolon: “Il primo lunedì dell’orario cadenzato è un bollettino di guerra”

Dic 17th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Reolon “Noi eravamo consapevoli dei danni a cui andava incontro il servizio di trasporto ferroviario. E’ inutile fare ancora finta di nulla, l’orario va cambiato, i treni vanno aumentati come anche le carrozze e la responsabilità verso i pendolari”

Nonostante tutti gli sforzi fatti dai pendolari, gli appelli del Consigliere Regionale Sergio Reolon e di tutto il Gruppo Consiliare PD, il nuovo è entrato in vigore, supportato da tre, striminziti, nuovi treni.

Un lunedì da leoni inferociti, quello di tutti gli studenti e lavoratori che sono stati costretti a vivere il primo giorno di Odissea del nuovo orario cadenzato.

Treni partiti in ritardo da Belluno senza nessun motivo, attesa della coincidenza pomeridiana a Sedico di 1 h e 19 min, intervento delle forze dell’ordine sul treno 11075 della Belluno-Padova per evitare l’ammasso di persone come in un carro di bestiame.

“Zaia e Chisso assieme a Trenitalia hanno portato il trasporto ferroviario al collasso. La Regione non investe un solo euro sul servizio e poi scarica la responsabilità su Trenitalia, ma la competenza del servizio è della Regione. Zaia continua a rivendicare maggiore potere per il Veneto ma la realtà non è in grado di gestire nemmeno quello che già possiede assumendosi le sue responsabilità.” Sergio Reolon

“La Regione e Trenitalia non solo non ascoltano le richieste dei cittadini – continua il Consigliere bellunese – ma non cercano nemmeno soluzioni. Gli unici a lavorare per migliorare il servizio sono i gruppi di pendolari. Segnalo che il 18 e il 19 dicembre Trenitardo ha organizzato un incontro dal tema “Diretto alla Mobilità”. l’Assessore Renato Chisso farebbe bene a dimettersi prendendo atto degli errori commessi e delle gravissime omissioni”.

 

Share
Tags: ,

3 comments
Leave a comment »

  1. Un esempio di programmazione ferroviaria intelligente per incentivare l’uso del treno:

    Treno11088: “Si effettua dal 15/12/2013 al 20/12/2013 sempre, dal 07/01/2014 al 16/04/2014 sempre, dal 22/04/2014 al 06/06/2014 sempre, dal 08/09/2014 al 13/12/2014 sempre. E’ soppresso dal 15/12/2013 al 13/12/2014 il Sabato, nei festivi”.
    Un viaggiatore normale è in grado di capire quando il treno circola, ad esempio: il sabato e festivi circola oppure no?

  2. beh, se per caso intermodalizzate gli arrivi a calalzo avvisatemi che torno ad utilizzare il treno….

  3. Veramente scene apocalittiche. Due decenni di PD in questa provincia sono un bollettino di guerra.