Friday, 18 October 2019 - 09:33
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Prosegue la protesta dei “Forconi bellunesi” contro l’inadeguatezza della classe politica

Dic 15th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

forconi rotatoria buscheCassintegrati, precari, giovani che hanno perduto il posto di lavoro. E’ questa la tipologia che per lo più alimenta e compone la protesta bellunese che nella giornata di domenica ha manifestato bonariamente alla rotatoria di Busche, con i conseguenti rallentamenti al traffico. Ma non vogliono essere chiamati “Movimento dei ” come oramai nella semplificazione giornalistica sono stati assimilati, dal primo nucleo che a gennaio in Sicilia, con gli autotrasportatori ha bloccato l’Isola per dei giorni interi.

“Vogliamo un futuro” recita il cartellone a lato della rotatoria, quel futuro che da vent’anni l’incapacità della classe politica che ci ha governato e ci governa non ha saputo dare ai giovani. Un Parlamento arroccato nei propri privilegi lontano anni luce dai problemi dei cittadini. Disoccupazione che aumenta grazie anche alla riforma Fornero, l’ex ministro dalla lacrimuccia facile, che ha impedito a quei lavoratori che avevano 40 anni di contributi versati di andare in pensione, salvo lasciare intatti i privilegi delle pensioni d’oro. Eppure, per salvaguardare il futuro dei giovani e fermare la bomba ad orologeria innescata nelle casse dell’Inps basterebbe ricalcolare le pensioni erogate sulla base dei contributi realmente versati, anziché sugli ultimi 5 anni di stipendi talvolta gonfiati.

L’insofferenza per l’inadeguatezza della classe che ci governa continua a crescere. Sono tanti i segnali che oramai provengono da tutta la Penisola.

Cosa aspettano a cambiare la legge elettorale, a dimezzare il numero dei parlamentari come in tutti i Paesi normali?

Serve un segnale forte di cambiamento. Prima che sia troppo tardi.

Share
Tags: ,

One comment
Leave a comment »

  1. grazie ragazzi.