Thursday, 22 August 2019 - 09:53
direttore responsabile Roberto De Nart

Turismo bellunese, operatori e amministratori a Venezia. Bond: “Il territorio parla con una sola voce”

Dic 12th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Dario Bond, consigliere regionale Pdl

Dario , consigliere regionale Pdl

“Enti e associazioni bellunesi sono scesi a Venezia con una voce unica e con richieste concrete e lungimiranti. Siamo sulla strada giusta per dare al Bellunese la specificità turistica che merita”.

A dirlo è il capogruppo del Pdl Dario Bond, a margine della seduta di Sesta Commissione dedicata alle audizioni degli enti e delle categorie bellunesi in merito al provvedimento di trasferimento delle competenze in materia di turismo dalla Regione all’ente Provincia sulla base della nuova legge-quadro sul turismo e in attuazione dell’articolo 15 dello Statuto sulla specificità del territorio provinciale bellunese.

Era stato lo stesso Bond, nel novembre scorso, a sollecitare la Sesta Commissione e la Giunta regionale ad ascoltare formalmente il mondo turistico bellunese.

Nel corso della mattinata sono stati ascoltati Emanuela Milan, subcommissario della Provincia di Belluno, Maurizio Busatta, rappresentante della Fondazione Colleselli, Valerio Tabacchi, assessore al turismo del Comune di Belluno, Gino Mondin, presidente del Consorzio Belle Dolomiti, Mario Manfreda, presidente Bim Piave e Alberto Vettoretto per il Parco nazionale delle Dolomiti bellunesi.

“Oltre all’istituzione di un marchio “Belluno-Dolomiti” da affiancare a quello “Veneto-Italia”, gli operatori hanno chiesto di applicare lo strumento dell’intesa tra Provincia e Regione per tutte le attività di programmazione. E’ la garanzia più efficace per un confronto permanente e istituzionalizzato”, rimarca Bond.

“Questo significa che anche nelle materie che sarebbero di competenza della Regione, il mondo del potrà dire la sua”.

“Resta il nodo delle risorse”, rimarca Bond. “Occorre capire se è preferibile stabilire una percentuale a monte o se non sia il caso di studiare dei meccanismi che consentano di trasferire le risorse di volta in volta necessarie”.

 

“Una cosa è certa”, sottolinea Bond, “da parte di tutti c’è la consapevolezza che il trasferimento delle competenze del turismo alla Provincia è un passaggio storico perché va ad attuare per la prima volta la tanto annunciata specificità. Dovremo essere in grado di approntare un sistema generale utile anche in futuro per il trasferimento – ormai ineludibile – di altre competenze”.

Share
Tags: ,

One comment
Leave a comment »

  1. “il trasferimento delle competenze del turismo alla Provincia è un passaggio storico perché va ad attuare per la prima volta la tanto annunciata specificità”? Di cosa parla Bond? Nulla di tutto ciò è ancora avvenuto.
    Bon…a contar balle.