Thursday, 22 August 2019 - 08:51
direttore responsabile Roberto De Nart

Quando la Mille Miglia passava per Feltre

Dic 7th, 2013 | By | Category: Prima Pagina, Sport, tempo libero

mille migliaLa Coppa delle prende il via per la prima volta a Brescia il 26 marzo del 1927. I giornali titolano che si è aperta una nuova era, quella di una libertà fino allora sconosciuta. “Poco più di venti ore, nemmeno un giorno e una notte – come scrive il Corriere della Sera – per compiere quasi 1700 km. una media che supera i 77 orari. L’automobile è passata per le strade di mezza Italia come un dominatore di tempo e di spazio. Il successo del mezzo meccanico appare dunque grandioso”.

Ebbene, quella che viene chiamata la “Corsa più bella del mondo” nelle prime sette edizioni dal 1927 al 1933, passava per . Lo racconta Gianpaolo Sasso in un articolo pubblicato dalla rivista feltrina El Campanon sulla base della documentazione conservata all’Archivio di Stato di .

Nelle prime edizioni, infatti, il percorso a forma di “otto”, con partenza da Brescia, si snodava per quasi 1.700 chilometri con controlli di transito e timbratura o punzonatura a Parma, Bologna, Firenze, Poggibonsi, San Quirico, Roma e ritorno per Terni, Spoleto, Perugia, Gubbio, Tolentino, Macerata, Loreto, Ancona, Bologna, Treviso, Feltre e arrivo a Brescia.

Feltre era una delle tappe per le quali era previsto il controllo con punzonatura.

La Regia Questura di Belluno, per l’edizione del 1929 della gara, impartiva una serie di istruzioni al Comando della 43ma Legione della M.V.S.N di Belluno, la Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, ossia il corpo di polizia civile dell’Italia fascista. Le stesse misure erano dirette anche alla Compagnia dei reali carabinieri di Feltre, ai podestà di Feltre, Alano di Piave, Quero, Fonzaso, Arsié e per conoscenza al Prefetto di Belluno, al Comando divisione carabinieri reali di Belluno e al Reale Automobile Club di Belluno.

E’ del 10 aprile del 1929 la lettera del questore Antonio Cortesi in cui si legge: “Anche quest’anno i concorrenti della Coppa delle Mille Miglia attraverseranno questa Provincia. I partecipanti alla gara in numero di 108 partiranno da Brescia (…) e transiteranno verso le ore 4,40 seguendo l’itinerario Cornuda, Alano, Quero, Feltre, Arten, Arsié, per Primolano”. Seguono una serie di prescrizioni e divieti di transito e sosta per veicoli e animali lungo il percorso nell’orario di passaggio dei concorrenti. “La direzione del servizio – prosegue la nota del questore – è affidata al vice commissario Ernesto Caianello per provvedere alla dislocazione delle forze lungo il percorso, in tutto 23 carabinieri reali e 50 uomini delle milizia. La loro presenza è organizzata in corrispondenza degli abitati di Fener, Quero, Sanzan, Feltre, Santa Lucia – Caupo, Arten, Arsié, Fastro, ponte Tegorzo, galleria di Castelnuovo, sottopasso di Santa Maria, i quattro passaggi a livello ferroviari, Ponte della Fusinetta e ponte sul Cismon, diversi incroci a Feltre, Arten, Arsié”.

Nel 1933 si corre l’ultima edizione della Mille Miglia per Feltre e le sue frazioni. L’anno successivo, infatti, dopo il transito per Padova il percorso prosegue per Venezia, attraverso il nuovo ponte sulla laguna inaugurato nel 1933.

adn

Share
Tags: , ,

Comments are closed.