Monday, 19 August 2019 - 09:45
direttore responsabile Roberto De Nart

Zaia alla Mig di Longarone: “Tutelare nel mondo il prodotto che tiene alto il nome del Bellunese e del Veneto

Dic 1st, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Luca Zaia

Luca Zaia

“Ringrazio tutti i gelatieri che partecipano a questa vera e propria festa del gelato, storico vanto del bellunese, e assieme a loro tutto il sistema di imprese che opera in questo settore. Il Veneto è la patria del gelato: è un primato di qualità e bontà che nessuno può insidiare e che dobbiamo tutelare dalle troppe imitazioni di livello inferiore che pure nel mondo si richiamano al Made in Veneto e al Made in Italy”. Così il presidente Luca Zaia ha inaugurato oggi alla Fiera di Longarone, in provincia di Belluno, la 54^ edizione della Mostra Internazionale del Gelato Artigianale.

“Vi ringraziamo – ha ribadito – perchè tenete alto il nome del Veneto nel mondo, perché fate impresa di successo, perché create lavoro (solo in Germania i nostri gelatieri occupano 23 mila addetti)”. “Il nostro gelato va però difeso: troppo spesso – ha aggiunto Zaia – un prodotto ghiacciato, senza la nostra qualità e materia prima, senza la nostra tracciabilità, e senza le nostre tradizione passione e tecnologie viene contrabbandato come originalo, facendoci una pessima pubblicità e una concorrenza sleale, magari con una bandierina tricolore esposta in vetrina. Dobbiamo batterci – ha concluso – affinchè questo nostro prodotto sia tutelato nella sua espressione originale lungo tutto la filiera, dalle materie prime, alla preparazione, al consumo”.

Dopo la cerimonia inaugurale Zaia ha visitato gli stand della MIG, intrattenendosi con i produttori e gli espositori, che mantengono alta una tradizione secolare di gusto, senza rinunciare però alle innovazioni nel segno della qualità.

 

 

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Made in Veneto? Ma valà, valà!

  2. Banal-man ha parlato.

  3. E’ stato in trasferta a Longarone utilizzando il treno?
    Oppure aveva la limousine e dieci vetture di scorta?